A- A+
Politica
In Onda, Molinari attacca il Cdx: "Meloni post-fascista e Salvini radioattivo"
Maurizio Molinari

In Onda, il soporifero Molinari attacca Meloni e Salvini su La7

Quando l’immagine di Maurizio Molinari compare sugli schermi televisivi di “In onda” (su La7) l’Italia si addolcisce, come se una nonnina premurosa le regalasse un biscottino al rosolio. Sa che è arrivata l’ora della nanna. Luca Telese che – in tanti anni di professione - è aduso ormai a tutto piroetta scaramanticamente sulla sua sedia girevole mentre Marianna Aprile cerca conforto nella sua laurea in Antropologia per capire da dove possa provenire geneticamente il Molinari. Lo fa nel suo stile pugliese pacato e sobrio che non rinuncia a mostrare grazie estive inaspettate ed uno strano tatuaggio in alto sul braccio destro, che pare un mandala junghiano.

Quando il direttore di Repubblica parte con il suo intervento un profondo torpore scende in studio e nelle case dei telespettatori, complice anche l’ora inoltrata e le luci soffuse. L’atmosfera è quella di uno sceneggiato Rai in bianco e nero degli anni ’70, di quelli in cui uno splendido Paolo Stoppa ci spiega perché ha sospetti sul maggiordomo. L’uomo dalla palpebra perennemente abbassata ha un eloquio lento, pastoso, impastato, un vocione che pare quello di Giuliano Ferrara dopo aver preso una spruzzatina di gas esilarante che ne ha rese appena meno gravi le corde vocali provate da anni di tentativi di parlare inglese con la Cia.                                                                                               

Ma dietro l’ipnotica cantilena il suo è un piano che rivela una fastidiosa programmazione da liceale ingrifato: prima infatti parla di banalità gassistiche manco fosse l’inquietante Davide Tabarelli: “Oggi la Germania ha mandato un segnale di apertura alla proposta di Mario Draghi del tetto al prezzo del gas in Europa, la Commissione di Ursula von der Leyen ha preannunciato una proposta al Consiglio europeo. Tutto questo può rassicurare i consumatori italiani e conferma che la linea vincente dell’Italia in Europa è quella di uno stretto raccordo con gli altri paesi europei, al punto tale che Draghi sta guidando sul tetto del gas in Europa, anche se deve guidare il nostro Paese solo per gli affari correnti”.

E poi affonda sulla politica perché il suo contratto lo prevede: “Con Giorgia Meloni premier questo (ndr: cioè la stima che gode Draghi) potrà continuare ad avvenire? È un legittimo interrogativo. Le sue competenze e le sue esperienze sono inferiori a quelle di Draghi, ma c’è anche un grande sospetto nei confronti del suo partito, soprattutto a Parigi e a Berlino, per via dei legami e della definizione di una parte del suo elettorato, che si definisce post-fascista. Post-fascista per Macron significa alleato di Marine Le Pen, quindi avversario politico identitario della Repubblica francese.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    la7melonimolinarisalvini





    in evidenza
    Affari in Rete

    Politica

    Affari in Rete

    
    in vetrina
    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1

    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1


    motori
    DACIA presenta Nuova Spring 100% elettrica

    DACIA presenta Nuova Spring 100% elettrica

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.