A- A+
Politica

Di Armando Siri, responsabile economico di "Noi con Salvini"

Come previsto la Ue boccia il "reverse charge" sull'IVA introdotto da Renzi. Il Governo ha cercato di fare cassa sottraendo liquidità alle imprese, ma adesso questo artificio perverso subisce uno stop. Ora manca quasi un altro miliardo e l'aumento dell'IVA e delle accise sulla benzina contenute nelle clausole di salvaguardia si fa sempre più vicino.

Nel giro di pochi mesi la Legge di Stabilità renziana viene smontata pezzo per pezzo prima dalla Consulta, adesso dal pronunciamento della Commisione UE che come era immaginabile, ha bocciato il prestito forzoso che il Governo Renzi aveva imposto per legge alle aziende italiane con il "reverse charge" dell'IVA. Un sistema assurdo secondo il quale le aziende non avrebbero più potuto compensare l'IVA sugli acquisti con quella sulle vendite, ma avrebbero dovuto pagarla per poi chiedere il rimborso allo Stato. Un gioco di prestigio per far quadrare, apparentemente, i conti di un Paese in pericolosa stagnazione da anni.

Conti che continuano a perdere di consistenza e dimostrano tutta l'inadeguatezza di un Governo che non lavora su interventi strutturali con l'obiettivo di far ripartire consumi, produzione e occupazione, ma che tende a dissimulare la realtà solo per ottenere consenso elettorale. Intanto il Paese è sempre più malato e non bastano i palliativi che alleviano i sintomi del malessere per risollevarlo, ma occorrerebbe un intervento drastico sulle cause: ovvero far ripartire seriamente il credito alle imprese, diminuire un'eccessiva imposizione fiscale e una pesante burocrazia.

Se non si risolvono questi problemi strutturali Renzi potrà continuare con i suoi escamotage contabili, ma alla fine il risultato non potrà che essere quello di chiedere nuovi sacrifici a quella parte sempre più piccola di Paese che ancora dà segni di vita. Ma fino a quando?

Tags:
ivauereverse charge
in evidenza
Cristina D'Avena, bikini esplosivo Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

Wanda, Fico e... Gallery Vip

Cristina D'Avena, bikini esplosivo
Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Lancia firma il suo primo monopattino elettrico

Lancia firma il suo primo monopattino elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.