A- A+
Politica
La "trappola" del superbonus per l'edilizia al 110 per cento
Come spesso accade in Italia, quanto più si vuole semplificare, tanto più si complica. Del resto, è quello che emerge dal SuperBonus al 110 per cento che da grande opportunità rischia di trasformarsi in una trappola pericolosa.
 
Lo strumento – utilizzabile solo per abitazioni unifamiliari o con accesso autonomo e per i condomini nella loro interezza – è stato prorogato, con emendamenti inseriti nella Legge di Bilancio 2021, fino a giugno del 2022, mentre per chi a quella data ha concluso il 60% dei lavori  il termine si sposta a dicembre del 2022 (ma in questo caso il credito di imposta si potrà utilizzare in quattro anni e non più in cinque). E’ stato modificato anche il credito di imposta del 50% per l’acquisto di mobili (sale da 10mila a 16mila euro).
    
L’incentivazione al recupero del vetusto patrimonio edilizio è un obiettivo a cui lo Stato Italiano si approccia dal 1997, con la Legge 449 del 27/12/1997, con la detrazione iniziale del 41% sui lavori di ristrutturazione di edifici residenziali e con il massimale di spesa, per unità immobiliare, di 150 milioni di lire. Successivamente sono intervenute modifiche legislative per orientare la ristrutturazione degli immobili con adeguamento sismico ed efficientamento energetico. L’intervento legislativo è continuato negli anni senza sosta con l’obiettivo di rendere più appetibile la misura e utilizzabile per una più ampia platea. Ma come spesso succede in Italia, quando si vuole semplificare si rischia di ottenere l’effetto inverso! La ciliegina sulla torta è arrivata con l’ormai famoso “Super bonus 110%”, meglio conosciuto come “Mi rifaccio casa gratis” lanciato dal Governo Nazionale con l’altrettanto famoso “Decreto Rilancio” convertito dalla Legge. 17 Luglio 2020 n.77 previsto all’art.119; poi sono stati firmati i Decreti Mise (Requisiti Tecnici ed Asseverazioni) modificati, però, in fase di pubblicazione. Successivamente è intervenuta la circolare 24/E dell’8 agosto 2020 dell’Agenzia delle Entrate e si è in attesa della nuova Circolare che recepisca i 32 interpelli pubblicati dalla stessa e un po' di modifiche/errori riscontrati.
 
Anche il “decreto semplificazione” ha apportato alcune modifiche. Siamo oggi in attesa della Legge di Bilancio che dovrebbe dare nuove indicazioni e proroghe di una misura che praticamente ancora non è partita. Allo scopo di rendere più utilizzabile i bonus, nel decreto Rilancio è stata inserita la possibilità di cedere il Bonus/Credito Fiscale alla filiera che esegue i lavori e/o a Istituti di credito ed intermediari finanziari, con una procedura tecnico-amministrativa-fiscale così complessa che, per la verifica del possesso dei requisiti, sono scesi in campo i big delle società di revisione internazionali, da Deloitte a KPMG e a PwC, per finire ad Ernst & Young. Insomma, evidentemente di chiaro e semplice c’è ben poco. Praticamente si tratta di una procedura da Lavoro Pubblico (senza rispettare il Codice dei Contratti) con stazione appaltante unica (l’Agenzia delle Entrate) che, con il suo Direttore Ruffini, continua a dire, giustamente, che l’AdE farà il suo mestiere e che non può certo semplificare quello che in Italia è complesso, ossia la normativa fiscale.
 
Tutto questo suona come un vero e proprio monito: fate le cose per bene altrimenti si procederà alla revoca del Bonus/credito fiscale, rischio che rimane tutto in capo al committente, poiché l’intera filiera è manlevata. Pertanto c’è il rischio che l’AdE, con la consueta velocità, proceda alla revoca e relativo recupero ed il povero committente dovrà cercare un Giudice a Berlino (ad oggi non è chiaro a quale Tribunale rivolgersi) per trovare il “responsabile” e magari farsi 15/20 anni di processi. Insomma, un ginepraio. Quindi, che fare? Rivolgersi a professionisti ed imprese del settore, magari certificate (ma questo sarebbe da paese normale) invece no! I professionisti e le imprese serie consigliano di andarci cauti, di aspettare chiarezza normativa perché è una grande opportunità ma solo se si fanno le cose per bene rispettando leggi e regolamenti e soprattutto eseguendo i lavori. come da progetto e relativo capitolato, a regola d’arte e rispettando tutti i requisiti dei vari DM, anche perché l’Agenzia delle Entrate potrà effettuare i relativi controlli negli otto anni successivi alla fine dei lavori con l’ausilio tecnico dell’Enea. Sono arrivati, invece, i “professionisti del tuttogratis” organizzati come vere e proprio catene di Sant’Antonio che fanno firmare contratti (che non saranno mai onorati) promettendo il tutto gratis e facendosi dare acconti, per non perdere la prenotazione, che vanno da 500 a 2000 euro. Molti di questi contratti fanno riferimento a General Contractor non meglio identificati o ad una delle 5.000 nuove imprese (scatole vuote spesso) nate per questa occasione/opportunità.
 
Il consiglio che si può dare, pertanto, è sempre lo stesso, rivolgersi a validi professionisti ed imprese serie e di stimata fiducia.

**Amministratore unico Consorzio Stabile BUILDResponsabile rapporto istituzionali UCSI (Unione Consorzi Stabili Italiani)
Loading...
Commenti
    Tags:
    superbonus 110% edilizia
    Loading...
    in evidenza
    Conte si dimette, 'Lutto Travaglio' Ironia social sul direttore del Fatto

    La crisi di governo vista dalla rete

    Conte si dimette, 'Lutto Travaglio'
    Ironia social sul direttore del Fatto

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, giorni della merla folli: dal caldo anomalo alla neve in pianura

    Meteo, giorni della merla folli: dal caldo anomalo alla neve in pianura


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    EQS, la prima ammiraglia full electric del marchio Mercedes-EQ

    EQS, la prima ammiraglia full electric del marchio Mercedes-EQ


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.