A- A+
Politica
“Luca Bernardo va in corsia con la pistola”, caos sul candidato del Cdx Milano
Luca Bernardo

 

Sono passati solo 4 giorni dai fatti di Voghera ma a quanto pare l’assessore leghista Adriatici non è l’unico politico con la pistola. Stamane a Repubblica Michele Usuelli, consigliere regionale lombardo di + Europa – Radicali (e collega di Luca Bernardo), ha dichiarato che il candidato sindaco del centrodestra a Milano, “va in giro armato”. Bernardo è primario di pediatria all’ospedale Fatebenefratelli mentre Michele Usuelli è neonatologo nella stessa struttura. “Gira con la pistola. Anche in ospedale, anche in reparto”, ha detto Usuelli. Aggiungendo che “non è un pettegolezzo: è una cosa nota nel mondo della pediatria milanese. Quando un primario entra in reparto ha addosso gli occhi di tutti” e chiedendo spiegazioni e rassicurazioni a Bernardo. Con il quale ricorda di aver lavorato insieme in gioventù: “È il più giovane primario che abbia mai conosciuto. Quando diventi primario così giovane i casi sono due: o sei un genio o hai costruito rapporti che ti hanno aiutato. Di Bernardo conosco pregi e limiti”.

Ma la replica di Bernardo non si fa attendere: "Non sono mai entrato in corsia con un'arma e non ho mai portato un'arma addosso, non ci sono neanche armi giocattolo nel mio reparto. Anche se ci sono i clown che fanno ridere i bambini in terapia, mai nessuno si è vestito da sceriffo". A dirlo all'Adnkronos è Luca Bernardo , primario di Pediatria del Fatebenefratelli e candidato sindaco del centrodestra per il Comune di Milano, replicando alla denuncia del consigliere lombardo Michele Usuelli (+Europa), secondo il quale Bernardo girerebbe armato di pistola nei reparti del Fatebenefratelli. "Ho il porto d'armi da difesa da circa 10 anni, come la maggior parte dei medici - sottolinea Bernardo -. Trovo che certa sinistra dovrebbe smettere di usare metodi da cortina di ferro, usando la diffamazione come strumento. Per questo ho già dato mandato al mio legale contro la diffamazione".

E aggiunge: "Ritengo che la campagna elettorale abbia temi seri da affrontare per la nostra città, dalle nuove povertà alla fragilità di molte fasce sociali, alle case fatiscenti nei quartieri popolari della città, alla mancanza di sicurezza, al lavoro, l'ambiente, la mobilità. Tutti temi importanti. Dobbiamo discutere di Milano e del miglioramento della vita di tutti i nostri concittadini". "Io - rimarca ancora - non dormirò la notte finché vedrò ancora una sola persona dormire per strada, non dormirò la notte finché saprò che i nostri bambini non possono giocare nei cortili delle case in cui vivono o nei parchi, finché gli anziani resteranno chiusi in casa per paura che le loro stesse abitazioni siano occupate abusivamente". Conclude il candidato sindaco: "Mi permetto un'ultima cosa: il fatto che finito l'orario di lavoro possa andare a visitare chi ha bisogno di cure è in piena linea con il mandato e la missione di medico. Quindi evidentemente per qualcuno il giuramento di Ippocrate non vale. Per me sì, sempre''.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    luca bernardomilanoelezioni milano
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.