A- A+
Politica
Meloni attendista, Letta in declino: che cosa raccontano le nomine europee
Enrico Letta, Antonio Costa, Ursula von der Leyen,Kaja Kallas

Meloni attendista, Letta in declino: che cosa raccontano le nomine europee

Per ora, più che un ribaltone sembrerebbe un rimescolamento delle carte. Posto che Ursula Von Der Leyen dovrebbe – il condizionale è d’obbligo – venire confermata a presidente della Commissione Europea, il Pse e Alde (cioè i liberali) si scambiano le caselle. L’ex primo ministro portoghese António Costa sarà il prossimo presidente del Consiglio Europeo al posto di Charles Michel (che appartiene ad Alde). La premier estone Kaja Kallas sarà l'Alta Rappresentante dell'Unione Europea per gli Affari esteri: ovvero, una liberale al posto del socialista Josep Borrell. Non esattamente una rivoluzione, segnale evidente che per il momento si punta al mantenimento dello status quo.

LEGGI ANCHE: Ue, "accordo" su von der Leyen. "Garantito commissario importante a Meloni"

Una sconfitta per la premier Giorgia Meloni? Non proprio. Intanto perché i bene informati fanno presente che alla presidente del Consiglio è stato promesso un commissario di peso, probabilmente in materia economica. In questo modo Fratelli d’Italia potrebbe non opporsi al nuovo mandato di Ursula, anche se questo significherà scendere a compromessi con una parte della sinistra. L’incontro con Viktor Orbàn - che si è subito detto contrario a queste nomine che calpestano "le basi dell'Ue" - di ieri, dunque, non è stato il prodromo a un rovesciamento delle carte in tavola ma, semmai, a una mossa tattica: devono essere prima “gli altri”, si saranno detti, a fare la prima proposta. La Lega, invece, proseguirà a fare opposizione confermandosi, soprattutto in Europa, il partito più a destra tra quelli della maggioranza.

LEGGI ANCHE: Enrico Letta lascia Sciences Po, aria di incarico in Europa per l'ex premier

Ne esce sconfitto, almeno per ora, Enrico Letta. Il quale, dopo aver lasciato il prestigioso istituto di studi politici a Parigi, il Sciences Po, sembrava addirittura in procinto di approdare alla presidenza del Consiglio europeo. Assalto fallito, se negli incontri di giovedì e venerdì dovesse essere confermato lo schema attuale. L’ex presidente del Consiglio, giubilato da Matteo Renzi, può ambire ad altri incarichi seppur non nel cuore nevralgico di Bruxelles. Il primo è come inviato speciale europeo in Medio Oriente, dove la tragedia di Gaza rischia di essere solo la punta dell’iceberg di una crisi ben più profonda tra Israele e i Paesi limitrofi. Il secondo è al posto di Luigi Di Maio, che vedrà scadere il suo ruolo di inviato per l’Europa nel Golfo il 28 febbraio del 2025. Un tempo lungo ma non lunghissimo, specie se l’ex ministro degli Esteri, dopo il tracollo del Movimento Cinque Stelle alle elezioni europee, decidesse di tornare in Italia per riportarlo agli antichi fasti.

Non ci sono ancora vincitori e vinti, perché per ora gli equilibri restano invariati. Certo, se Meloni dovesse ottenere davvero un commissario pesante e se magari analogo trattamento dovesse toccare ad altri esponenti dell’area conservatrice (Ecr ha 83 seggi su 720 complessivi, l’11,5% del totale), allora vorrebbe dire che lo spostamento verso destra di Strasburgo sarebbe completato. Un’ultima notazione: domani Giorgia Meloni riferirà alla Camera e sarà l’occasione per capire quali sono le intenzioni della premier. Che non si farà sfuggire l’occasione di rimarcare il peso del suo gruppo in Europa. Il resto è ancora prematuro da analizzare. 

A quanto risulta ad Affaritaliani.it, d’altronde, sono davvero pochi i commissari che resterebbero al loro posto. Il più blasonato è Valdis Dombrovskis, mentre saluterà dopo anni di “terrore” la danese Margrethe Vestager. Addio anche a Paolo Gentiloni, alla portoghese Elisa Ferreira e all’olandese Wopke Hoekstra. Un sacco di poltrone da assegnare, molti equilibri da ridisegnare. La Meloni attende, non sarà lei a fare la prima mossa. 






in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.