A- A+
Politica
Meloni non fa rimpiangere Craxi: buoni i primi 6 mesi di politica estera
Giorgia Meloni

Giorgia Meloni si porta a casa un bel bottino per i suoi primi sei mesi di politica estera. L'analisi

Quello che si è notato in questi primi sei mesi di governo è il focus del governo sulla politica estera. Si tratta di un elemento oggettivo che salta subito agli occhi. Appena è stato possibile Giorgia Meloni si è dedicata –sarebbe il caso di dire- quasi esclusivamente alla politica estera facendo molto parlare di lei e guadagnando le copertine di settimanali prestigiosi.

Il premier fa questo sostanzialmente per due motivi. Il primo è che deve far dimenticare il suo passato “fascista” ed accreditarsi a livello europeo prima e mondiale poi. Cosa che ha indubbiamente fatto, dopo i primi attriti con Macron e la von der Leyen. Poi è stata la volta del Presidente Usa Joe Biden ed infine di Papa Francesco.

Così si è messa al sicuro dalle critiche della Francia, della Ue e del Vaticano, soprattutto per la questione dei migranti. Infatti alla Meloni Papa Francesco aveva da sempre destato qualche sospetto dottrinale, come dice anche nella sua biografia. Da cattolica praticante lo rispettava ma non lo capiva. Il suo riferimento era Papa Woytila e soprattutto il più recente Papa Benedetto XVI ma poi è riuscita a trovare una sponda anche con Francesco e lo ha fatto sapientemente sfruttando l’innato peronismo del Papa argentino che le sta dando una grossa mano con l’Europa.

Anche con Macron ha raggiunto un equilibrio mentre con la von der Leyen c’è dialogo costruttivo. Il collante di tutto questo è stato però cucinato, cotto e alchenicamente trattato da un paio di anni quando la Meloni capì che poteva vincere tutto ma doveva però abbandonare le “amicizie pericolose” e cioè il Gruppo sovranista di Visegrad e soprattutto l’amicizia intensissima con il leader ungherese Viktor Orban.

Ha capito che l’unica scelta vincente sarebbe stata quella atlantica e si è comportata di conseguenza, facendo divenire l’Italia l’alleata più stretta dell’Ucraina. Per fare questo deve però tenere continuamente a bada i suoi alleati di centrodestra e cioè la Lega di Matteo Salvini e Forza Italia di Silvio Berlusconi. Questo è in effetti il punto più critico perché si presta alle frequenti uscite di Berlusconi e –in parte di Salvini- che hanno ed avevano (?) un rapporto addirittura di amicizia con Putin. E questo pure è un piccolo miracolo di equilibrio sia esterno che interno.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giorgia melonipolitica estera





in evidenza
Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"

L'intervento del direttore di Affari

Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Mercedes-Benz arriva la gamma Van con innovazioni Hi-Tech

Mercedes-Benz arriva la gamma Van con innovazioni Hi-Tech

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.