A- A+
Politica
Pos, Meloni conferma il dietrofront. Il governo si piega ai diktat dell'Ue

Meloni: "E' un obiettivo del Pnrr e quindi lo stiamo trattando con la Commissione"


"Se non ci sono i margini - dice Giorgia Meloni sullo stop alla norma sul Pos - ci inventeremo un altro modo per non fare pagare agli esercenti le commissioni bancarie sui piccoli pagamenti". La premier mette in dubbio pubblicamente la misura inserita nella Legge di Bilancio che prevede la cancellazione delle sanzioni per gli esercenti che si rifiutano di accettare i pagamenti con il bancomat o la carta di credito sotto i 60 euro. Di fatto, la presidente del Consiglio e l'intero esecutivo si piegano ai diktat dell'Unione europea.

"Quello" dell'obbligo del Pos - ricorda lasciando il Senato dopo il concerto di Natale - "è un obiettivo del Pnrr e quindi lo stiamo trattando con la Commissione". Parole che confermano il dietrofront del governo (anticipato dal quotidiano la Repubblica), che sarà contenuto in un emendamento alla manovra atteso stasera in commissione Bilancio alla Camera.

Fonti di governo confermano che l'emendamento figura in queste ore nell'elenco delle modifiche all'esame del ministero dell'Economia, dove si sta cercando la quadra anche sulle altre misure della Finanziaria, a iniziare dalle pensioni, dalle minime a 600 euro per gli over 75 alla rivalutazione per quelle tra 4 e 5 volte sopra il minimo. La decisione dell'esecutivo di cancellare la norma sul Pos è maturata alla luce dell'andamento dell'interlocuzione con la Commissione europea, che si aspetta il rispetto dell'impegno conseguito a fine giugno dal governo Draghi nell'ambito del Pnrr.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
governo pos





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


motori
Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.