A- A+
Politica
Ministero della Sovranità alimentare, era ora!

L’identità di una civiltà si costruisce anche con la divulgazione culturale, prima che con l’implementazione commerciale dei cibi domestici


Di Mario Tocci *

Qualsiasi giudizio in ordine all’operato del Governo deve essere subordinato, onde godere della necessaria seria sostenibilità, alla verificazione del raggiungimento dei tracciati obiettivi programmatici.

Lungi, dunque, dall’esprimere valutazioni che, per quanto appena considerato, risulterebbero del tutto “irricevibili” e vanno quindi necessariamente sospese, non è da trascurare l’importanza di uno dei fini affidati al “nuovo” dicastero investito delle competenze di regolamentazione del comparto agrario: quello della sovranità alimentare, così addirittura testualmente esplicitata nella denominazione formale del Ministero medesimo.

Sarebbe invero deludente constatare, in divenire, una declinazione del concetto di sovranità alimentare in direzione di un bieco e dannoso mero protezionismo dei prodotti agricoli nostrani. Ma se – come invece e piuttosto appare – essa sovranità si traducesse nella pianificazione, stabile e duratura, di una serie di iniziative mirate alla valorizzazione e alla promozione delle derrate alimentari (per dirla semplicisticamente) del Bel Paese, non si potrebbe che essere contenti e soddisfatti. Certamente, siffatte iniziative non dovrebbero favorire condotte realizzatrici dei vietati aiuti di Stato o scivolare in antipatiche e poco utili politiche denigratorie dei cibi dei nostri vicini di casa (sebbene il pericolo non sembri sussistere, al lume delle proclamate e preannunciate vocazioni atlantiste ed europeiste dell’esecutivo guidato da Giorgia Meloni).

Era ora che ci si ricordasse, in Italia, delle potenzialità (fino a questo momento latamente inespresse) del mercato sotteso al comparto primario.

Ben venga, quindi, una sovranità alimentare che – pur compatibilmente con lo sviluppo di un circuito produttivo e commerciale di respiro globale – ponga in primo piano l’agricoltura del territorio italico.

Tanto sarà possibile solo col coinvolgimento delle professionalità a vario titolo e con ogni ruolo coinvolte nonché mediante un processo di “culturalizzazione” delle attività interessate, al punto di includerle nel ricco patrimonio culturale (altresì immateriale) della Nazione e renderle così destinatarie delle norme promozionali vieppiù dettate al riguardo.

In quanto, senza tema di smentite, l’identità di una civiltà si costruisce anche con la divulgazione culturale, prima che con l’implementazione commerciale – quantunque doverosa – dei cibi domestici.

Buon appetito, carissima Italia!

 

* Avvocato – Docente Universitario

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ministero sovranità alimentare





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


motori
Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.