A- A+
Palazzi & potere
Accordo segreto Colle-Gentiloni per blindare la legge di stabilità

Prepariamoci. Da settembre, il Capo dello Stato farà sentire la sua «presenza» in maniera ancora più forte e incisiva: l' interesse del paese prima di ogni altra cosa. E questo passerà anche e soprattutto per la prossima manovra economica che il Colle assieme al capo del governo si appresta a «blindare».

L'obiettivo, scrive Il Tempo, è evitare che le tensioni tra i partiti si scarichino sulla manovra, evitare che i dissidi e le tensioni Renzi-Padoan abbiano il sopravvento, così come le minaccie e i veti tra Renzi e Bersani e le «derive» centriste. Perchè al Senato il rischio bocciatura esiste e al Colle non ne vogliono proprio sentir parlare, così come non vogliono sentir parlare di «esercio provvisorio», ipotesi peraltro ventilata dai vertici del Pd.

Dopo l' estate, quando i mercati riprenderanno a «pompare» a pieno ritmo e l' Italia potrebbe finire vittima della speculazione, il Colle non si limiterà a lanciare appelli. Il Quirinale ha una sua strategia. Ed è per questo, per evitare incidenti parlamentari sempre in agguato, che a Palazzo Chigi, con la tacita intesa del Colle, avrebbero già studiato le contromosse: meglio cominciare a discutere la manovra dal Senato. «La scelta è stata attentamente ponderata, valutando tutti i possibili scenari, mosse e contromosse» raccontano da Palazzo Chigi. «Meglio partire dal Senato per evitare l' avvicinarsi della scadenza elettorale e quindi tutti i prevedibili distinguo dei partiti». Come tutti sanno la legge di bilancio va presentata entro metà ottobre per essere poi approvata entro fine anno. E più il Parlamento avrà tempo di lavorarci a «distanza di sicurezza» dall' incandescente clima elettorale tanto meglio sarà. «Tanto poi alla Camera non ci saranno problemi» trapela da Palazzo Chigi. E alle brutte ci sarà sempre il «soccorso azzurro» di Forza Italia oppure dei nuovi «responsabili», così amano definire dalle parti di Palazzo Chigi i centristi che in queste ultime settimane si sono mossi con forza verso il signore di Arcore e che da lui prenderanno ordini in questo scorcio finale di legislatura.

In tal modo, continua Il Tempo, chi vorrà distinguersi e magari iniziare la campagna elettorale partendo proprio dalla manovra, potrà sì farlo, ma senza giocare sulla pelle del Paese. D'altra parte, le questioni aperte sono molte e rischiano di intrecciarsi l' una all' altra a comin ciare dalla legge elettorale. E bisogna sminare il terreno. Per questo Berlusconi, in maniera molto intelligente, sembra muoversi in sintonia con il Qurinale. Un Berlusconi che nell' ultima intervista al Giornale ha voluto mandare un messaggio in «codice» ma allo stesso tempo ben preciso al segretario dem: «Caro Matteo, comportati da statista perché se saremo in grado di fare le riforme che il Colle ci chiede avremo poi tut toil diritto, noi due, di proporre il candidato premier, altrimenti lo farà Mattarella e noi non potremo che accettare». Insomma, la partita della riforma elettorale servirà anche per avere «crediti» con il Colle da spendere dopo, quando bisognerà formare il governo e scegliere il premier.

Ma non è tutto, perchè la vera «mina» che rischia di esplodere si nasconde dietro la data del voto, un possibile un braccio di ferro tra Nazareno e Quirinale. Ancora una volta la traiettoria di Renzi non coincide con quella del Colle.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mattarellagentilonilegge di stabilità
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.