A- A+
Palazzi & potere
Recovery Fund, sconfitta l'Italia? Più prestiti e meno aiuti a fondo perduto

Meno aiuti a fondo perduto, più prestiti ai Paesi in difficoltà. Sarebbe questo l'accordo raggiunto sul Recovery Fund al vertice ristretto andato in scena a Bruxelles tra il premier italiano Giuseppe Conte, quello olandese Mark Rutte, quello spagnolo Pedro Sanchez, il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e la presidente della Commissione Ue Ursula Von der Leyen.  Nella bozza della nuova proposta che il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha sottoposto ai leader per uscire dallo stallo nei negoziati restano i 750 miliardi di euro complessivi, ma di questi saranno 450 i miliardi concessi ai paesi in crisi per il coronavirus sotto forma di prestiti e 300 miliardi quelli erogati come sovvenzioni (nella proposta precedente erano previsti 500 miliardi di sovvenzioni e 250 di prestiti).

Commenti
    Tags:
    giuseppe contemark rutteolandaconsiglio ueeuropacharles michelrecovery funditalia





    in evidenza
    Ferragni, macché storia con Tony Effe. La nuova fiamma? Un ortopedico che...

    Gossip

    Ferragni, macché storia con Tony Effe. La nuova fiamma? Un ortopedico che...

    
    in vetrina
    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


    motori
    Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

    Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.