A- A+
Palazzi & potere
Vergovich (Radio Radio): Mario Draghi? “L’understatement è un pregio"

La nostra intervista a Francesco Vergovich, giornalista e conduttore della trasmissione del mattino di Radio Radio “Un giorno speciale”.

La comunicazione al tempo di Mario Draghi, basta Dpcm e poche parole.

"L’understatement è un pregio, nella vita comune e ancora di più se si vestono incarichi pubblici. Se poi si è il Capo del Governo nel periodo della crisi pandemica, un atteggiamento senza enfasi e retorica è addirittura necessario. L’avvocato del popolo, Giuseppe Conte, per presenza sui mezzi di comunicazione, ha fatto impallidire il tycoon televisivo Silvio Berlusconi. Una presenza quella del professore continua e martellante. Conte ha utilizzato parecchio anche i social che ormai sembrano il media preferito da gran parte dei leader politici".

"Fare annunci su Facebook o Twitter quando sai che i tuoi profili e gli account sono continuamente attenzionati dalla stampa ti consente di scegliere il momento e le parole senza che nessuno possa chiederti conto di nulla. Pubblichi l’annuncio e vedi l’effetto che fa.

Draghi mi sembra lontano anni luce da questi rituali, per abitudine e per vocazione. Oltretutto a parlare troppo si dicono inesattezze e ci si lasca andare a promesse difficli da mantenere".

Un Governo che mette insieme la quasi totalità dei partiti politici quanta forza toglie al dibattito televisivo?

"Potrebbe giovare ai talk show e al pubblico che segue le trasmissioni, una discussione senza il contraddittorio a tutti i costi. Il confronto, il politico può sostenerlo con il conduttore del talk show. Che diventa la voce del pubblico e del resto sarebbe proprio il ruolo naturale degli anchorman. Sollecitare il politico a rispondere ai contenuti delle domande e agli impegni presi nei rispettivi programmi di governo".

Il pubblico televisivo potrebbe apprezzare un format di talk show senza vis polemica e contraddittorio tra avversari politici?

"Una trasmissione con maggiori contenuti e meno urla può funzionare, ne sono convinto. Le ultime stagioni di Report, con indici non solo di gradimento ma pure di ascolto altissimi, dimostrano che esiste un pubblico che preferisce i contenuti, i dettagli, le precisazioni, la notizia definita e non urlata. Sono trasmissioni diverse naturalmente: Report è inchiesta e il talk show politico è intrattenimento ma è un segnale importante. Vedere da troppi anni trasmissioni in cui i politici che partecipano, quasi sempre gli stessi, si sentano ormai di dover interpretare un ruolo televisivo per me è deprimente. Dover forzatamente andare contro una tesi alzando la voce è un piccolo spettacolo, credo che anche la tv debba fare uno sforzo per offrire al pubblico qualcosa di meglio".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    radio radiotalkvergovichinformazioneradio
    in evidenza
    Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

    Come sarà il weekend

    Ciclone al Sud, sole al Nord
    Il meteo divide l'Italia in due

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Pirelli: viaggiare sicuri e in regola d’inverno

    Pirelli: viaggiare sicuri e in regola d’inverno


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.