A- A+
Politica
Pandemia, Biden ha censurato con i social giudice USA ordina deposizione Fauci

“Continueremo a premere per la verità”. E’ quanto sostiene il procuratore generale del Missouri Eric Schmitt: il governo Biden ha censurato i cittadini americani durante la pandemia

USA, tiene banco il processo contro il governo Biden intentato da due procuratori generali degli Stati Uniti: durante la pandemia il governo Biden avrebbe censurato scienziati accreditati e credibili solo perché sostenevano tesi diverse da quelle del governo. L’accusa dei due procuratori è che, durante la gestione della pandemia, il governo USA abbia collaborato con le società dei social media per censurare la libertà di parola negli Stati Uniti. Il dottor Anthony Fauci e altri funzionari dello Stato dovranno deporre davanti a un giudice.

Si tratta del giudice federale del distretto occidentale della Louisiana Terry Doughty. Fauci dovrà testimoniare, poiché i procuratori generali della Louisiana e del Missouri, Jeff Landry e Eric Schmitt, lo hanno ritenuto una figura chiave nella causa che hanno intentato per dimostrare la "collusione" tra l'amministrazione Biden e le società di social media USA.

Un fatto gravissimo negli USA poiché un’azione del genere viola il primo emendamento. Il primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti garantisce la libertà di parola e di stampa.

"Quello che abbiamo scoperto finora è che almeno 45 persone dell'amministrazione Biden erano in costante comunicazione con queste piattaforme di social media”, ha dichiarato Schmitt, “per censurare e sopprimere i discorsi, avevano chiamate settimanali, chiamate di censura e queste piattaforme di social media stavano cambiando i termini di servizio". Uno scambio di accordi e favori sistematico per censurare e limitare l’azione di chi era contrario ai voleri governativi.

"I querelanti sostengono che anche se il dottor Fauci può dimostrare di non aver mai comunicato con le piattaforme di social media sulla censura, ci sono ragioni convincenti che suggeriscono che il dottor Fauci ha agito tramite intermediari e ha agito per conto di altri, procurando la censura sui social media di opinioni scientifiche credibili", avrebbe scritto il giudice Terry Doughty secondo il media televisivo Fox News. E ancora: "I querelanti sostengono che anche se il dottor Fauci ha agito indirettamente o come intermediario per conto di altri, è comunque rilevante per la mozione di ingiunzione preliminare dei querelanti... La Corte è d'accordo".

Oltre a Fauci, molti altri funzionari della Casa Bianca attuali o precedenti dovranno presentarsi al processo, incluso l'ex segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki.

La causa originale è stata intentata dai due procuratori generali a maggio e intreccia la vicenda della pandemia con quella del laptop di Hunter Biden, figlio del presidente. La vicenda sarebbe ancora più profonda: per i procuratori l'amministrazione Biden ha "fatto pressioni e collusione" con le società di social media Big Tech per censurare e sopprimere le informazioni sulla storia del laptop di Hunter Biden, sulle origini del COVID- 19 e sul tema della sicurezza del voto per corrispondenza durante la pandemia.

"Dopo aver trovato la documentazione di una relazione collusiva tra l'amministrazione Biden e le società di social media per censurare la libertà di parola, abbiamo immediatamente presentato una mozione per portare questi funzionari a testimoniare sotto giuramento", ha affermato Schmitt in un comunicato stampa, "è giunto il momento di far luce su questa impresa di censura e costringere questi funzionari a dire la verità al popolo americano, e questa sentenza ci consentirà di fare proprio questo. Continueremo a premere per la verità".

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bidencensuratocoviddeposizione fauciemendamentoeric schmittgiudice usagovernojeff landrylibertàpandemiaprimosocialterry doughty





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.