A- A+
Politica
Pd, la linea di Schlein: il partito è mio. Addio capibastone e cacicchi

Matteo Renzi non ha avuto il coraggio di rifondare il Pd mentre Elly Schlein vuole iniziare una nuova storia: ANALISI 

Con l’incoronazione di Elly Schlein, il nuovo Pd, pardon: il PdE, il Partito di Elly, ha preso il largo. E la rotta sembra essere assai chiara: il partito è mio e lo gestisco da me! Un messaggio chiaro soprattutto per coloro che, da capibastone o, più elegantemente da capicorrente, hanno prima fatto carte per la sua elezione e poi, d’un botto, si sono visti scaricati e, oltraggio nell’oltraggio, persino rinnegati: “Abbiamo dei mali da estirpare, non vogliamo più vedere capibastone e cacicchi vari”.

Parole di pietra scagliate in ogni direzione per sottolineare come la musica sia cambiata. Adesso c’è lei, punto! E tutti, a partire proprio dai “mammasantissima” delle tessere, dovranno fare i conti con il nuovo Nazareno, con una leadership che si è “servita” delle correnti ma che non intende essere “asservita” ad esse. Un programma politico chiarissimo: cancellare il PD per fondare il PdE! Estirpare, in luogo di rottamare? Macché! Si rottama ciò che era utile fino a ieri ed oggi è superato dai tempi. Mentre si estirpa una realtà che porta, per antonomasia, danno. Si estirpa un’erba infestante; ciò che è ritenuto -comunque- un male.

Ecco la profonda differenza che le parole evidenziano in tutta la loro potenza. C’è di più. Mentre Matteo Renzi aveva fatto della rottamazione dei "capibastone" un caposaldo identitario della propria ascesa politica e della propria campagna elettorale contro lo sfidante alle primarie Pierluigi Bersani, Elly Schlein non ha disdegnato l’appoggio di alcune riconosciute e storiche correnti per farsi eleggere e poi voltare loro le spalle.

Due stili che rappresentano plasticamente due culture politiche alternative. L’una sfacciatamente e lealmente contro che è costata a Matteo Renzi e al suo Governo, dopo il 40% delle europee 2017, un isolamento abissale, l'altra caratterizzata da tanta buona creanza: l’appello all’unità è un bel biglietto da visita per l’esterno, ma -sul versante interno- animata, se le parole hanno ancora un senso, da una latente volontà epurativa e macchiata (chissà se in modo irreparabile) da un grave peccato originale.

Nel PD chi tocca le correnti rischia di rimanere folgorato! A questo inevitabile destino c’è un’unica alternativa: disfarsi del PD e iniziare una nuova storia a sinistra. Ciò che Matteo Renzi non ha avuto il coraggio di fare e quello che invece sembra essere proprio l'obiettivo politico di Elly Schlein e del suo PdE.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
elly schleinpd





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.