A- A+
Politica
Pd, Mineo al contrattacco: "Renzi subalterno a donna bella e decisa"

"Renzi non si fa scrupoli, rivela conversazioni private, infanga per paura di essere infangato. E sa che io so. So quanto si senta insicuro quando non si muove sul terreno che meglio conosce, quello della politica contingente. So quanto possa sentirsi subalterno a una donna bella e decisa. Fino al punto di rimettere in questione il suo stesso ruolo al governo. Io so, ma non rivelo i dettagli di conversazioni private. Non mi chiamo Renzi, non frequento Verdini, non sono nato a Rignano".

Lo dichiara Corradino Mineo in una nota. "Quanto alla 'poltrona', a differenza forse di qualcun altro -aggiunge Mineo- io non ne ho bisogno. Ho lavorato per 40 anni, salendo passo dopo passo il cursus honorum, da giornalista fino a direttore. Probabilmente ho ancora 'mercato', potrei tornare a fare quello che ho dimostrato di saper fare. Non ora, perché ho preso un impegno accettando la candidatura che Bersani mi propose nel 2013, e lo manterrò, quell'impegno, in barba a chi vorrebbe 'asfaltare' il dissenso".

"Quanto alla 'poltrona', a differenza forse di qualcun altro, io non ne ho bisogno. Ho lavorato per 40 anni, salendo passo dopo passo il cursus honorum, da giornalista fino a direttore. Probabilmente ho ancora 'mercato', potrei tornare a fare quello che ho dimostrato di saper fare", prosegue Mineo pur precisando "non ora, perche' ho preso un impegno accettando la candidatura che Bersani mi propose nel 2013, e lo manterro', quell'impegno, in barba a chi vorrebbe 'asfaltare' il dissenso". "Quanto ai bambini autistici - puntualizza - e' stato Renzi a strumentalizzarli nel modo piu' squallido per 'spianarmi'. Li ha usati per strappare un applauso in assemblea e non ha fatto poi seguire un solo provvedimento per andare incontro alle tante famiglie in difficolta'. I fatti hanno la testa dura".

"Diciamo - e' allora la controffensiva dell'ormai ex dissidente Pd - che Matteo Renzi non ha stile. Non ho mai manifestato l'intenzione di dimettermi dal Senato, se non in un sms che mandai proprio a lui, disgustato dall'attacco volgare e strumentale che mi aveva mosso davanti all'assemblea del Pd, dopo la vittoria alle Europee. Fu poi Gianni Cuperlo, a riprendermi per i capelli e spiegarmi che la politica, ahime', e' anche questo, scorrettezza cialtrona, e che bisogna saper resistere. Grasso mi ricordo' che avevo un mandato da onorare. Ma Renzi non si fa scrupoli, rivela conversazioni private, infanga - accusa ancora - per paura di essere infangato".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mineorenzipd
in evidenza
Hunziker-Trussardi: è finita “Dopo 10 anni ci separiamo”

Spettacoli

Hunziker-Trussardi: è finita
“Dopo 10 anni ci separiamo”

i più visti
in vetrina
Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale

Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale


casa, immobiliare
motori
Peugeot 208, novità importanti per rimanere leader del mercato

Peugeot 208, novità importanti per rimanere leader del mercato


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.