A- A+
Politica
Pensioni Opzione Donna, colpo di scena. Cambia tutto. L'annuncio sorprendente
Claudio Durigon

Pensioni, in futuro Quota 41


"Siamo partiti in qualche modo in modo anomalo. Non si è mai visto un governo che nasce il 22 ottobre con i sottosegretari che giurano il 3 novembre. Ed è per questo motivo che è stato difficile progettare riforme importanti per il Paese. E infatti nella manovra ci siamo concentrati, come avevamo promesso in campagna elettorale, sul contrasto al caro-bollette". E' la premessa che fa, intervistato da Affaritaliani.it, il sottosegretario al Welfare Claudio Durigon, parlando della riforma delle pensioni.

"Era comunque necessario dare un segnale anche sul fronte previdenziale. L'elemento fondamentale, come la Lega ha sempre detto, è Quota 41. Per il 2023 abbiamo iniziato applicandola con 62 anni di età, una misura che riguarda circa 50mila persone. E ricordo che Quota 102 di Draghi (38+64) interessava 16mila persone, quindi abbiamo nettamente ampliato la platea delle persone. Il prossimo anno - spiega Durigon - dovremo fare una riforma globale, complessiva e strutturale che ovviamente dovrà partire con un confronto e un dialogo con le parti sociali. Un processo di concertazione per definire bene il percorso, ma per il governo e in particolare per la Lega Quota 41 dovrà essere in futuro il punto fermo per il sistema di uscita dal lavoro". Quanto alle polemiche di questi giorni su Opzione Donna, Durigon afferma: "Stiamo valutando bene la norma, aspetterei a dire che sarà sicuramente così. Sono in corso valutazioni e non escludo cambiamenti".

Poi il reddito di cittadinanza, sul quale il governo è partito un po' in sordina rispetto alle promesse elettorali. "Nella prima fase abbiamo circoscritto il reddito per chi può lavorare, 8 mesi fino al 31 ottobre 2023. Poi si esce dal RdC e si entra nelle politiche attive del lavoro, ovvero formazione e incentivi. Dobbiamo cambiare la cultura che stava entrando nelle nostre case per cui si percepisce il reddito e si fa qualche lavoretto ogni tanto. Ci sarà nel 2023 una riforma complessiva del RdC e non dovrà più essere tutto accentrato all'Inps. Come accadeva con il Rei, è necessaria l'assistenza dei Comuni che conoscono le esigenze dei territori. Tutto ciò per evitare che continuino a esserci i furbetti. La formula assistenziale va mantenuta e anzi magari potenziata per alcune categorie che hanno davvero bisogno, ma il concetto a regime è che chi può lavorare dovrà andare a lavorare e non percepire il reddito di cittadinanza", conclude Durigon.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pensioni opzione donna modifichepensioni quota 41





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.