A- A+
Politica
Puglia, indennità fine rapporto ai consiglieri: lo scandalo imbarazza Pd e M5s
Consiglio regionale della Puglia

Puglia, lo scandalo dell'indennità di fine rapporto ai consiglieri ora imbarazza Pd e M5s

Non è bastata la lettera aperta al governatore Michele Emiliano di oltre 40 sigle sindacali per fermare la scellerata proposta di un “trattamento di fine mandato”, ovvero l’indennità di chiusura del rapporto per gli eletti e gli assessori, dal 2013 (la norma, per come è passata in commissione Bilancio, ha effetto retroattivo) fino al 2025 ovvero fino alla fine di questa legislatura.

In sprezzo alla diligenza e all’opportunità di una simile misura, infatti, nella seduta del Consiglio regionale di martedì prossimo si dovrebbe (il condizionale, per il momento, è d’obbligo) affrontare proprio la questione del via libera del trattamento.

LEGGI ANCHE: Puglia, i consiglieri si assegnano un'indennità di fine rapporto. Scandalo

E non si tratterebbe di spiccioli ma, come si legge nella relazione allegata alla proposta di legge- riporta la Gazzetta del Mezzogiorno -, di stanziamenti pari a 3,7 milioni per il periodo 2013-2023 e di 310mila euro ciascuno per il 2024 e il 2025: in totale 4,3 milioni da recuperare per staccare assegni da 35mila euro ciascuno per gli eletti e gli assessori dell’attuale legislatura, di quella precedente (la X, 2015-2020) e di parte di quella ancora precedente (la IX, 2013-2015), circa 125 in totale.

Cosa accadrà in aula, però, è tutto da chiarire. In primis se la proposta di legge verrà discussa oppure no; se, nel caso si discuta, il nodo retroattività passi o meno; se si voterà a scrutinio segreto e cosa faranno i partiti. E potrebbero esserci sorprese. Dal Pd che, pur essendo la prima formazione di governo e quindi presumibilmente favorevole, al momento fatica a trovare compattezza. In dissenso, per esempio, è la consigliera Debora Ciliento, che non nasconde posizioni molto critiche. "Io sono contraria – precisa – l’ho dichiarato dal primo momento e continuo a portare avanti questo discorso, perché sono convinta che non sia proprio opportuno". Il gruppo, dunque, rischia di spaccarsi.

È possibile un rinvio della discussione? Forse, anche se potrebbe mostrare un certo affanno della maggioranza. In questo senso, il presidente del gruppo di Con, Giuseppe Tupputi, serra i ranghi e tuona che "sul trattamento di fine mandato c’è stata una riunione di maggioranza, tutte le forze della coalizione hanno condiviso di portare in aula la proposta di legge e Con, come sempre, per tutte le proposte di legge di maggioranza, assicurerà il proprio voto". I civici di Michele Emiliano, insomma, fanno quadrato e lanciano un messaggio chiaro a "chi disattende un accordo", rilevando che "poi, durante la riunione successiva di maggioranza terremo conto di quello che accade" e ribadendo che "Con, come sempre, sarà leale nei confronti della maggioranza".

In casa grillina si sceglie il basso profilo, la posizione – almeno dei consiglieri interni alla maggioranza – non è semplice. La “dissidente” Antonella Laricchia taglia corto: "Con tutti i problemi che ha la Puglia, la priorità del Consiglio regionale non può essere il Tfm. Auspico che la proposta di legge venga bocciata dall’aula martedì e si metta finalmente la parola fine a una questione che ha portato via fin troppo tempo ed energie". Una questione che sta montando anche in rete con l’ex parlamentare grillino Alessandro Di Battista che, a nome dell’associazione Schierarsi, assicura il massimo sostegno al «No Tfm Day», organizzato, proprio per martedì, davanti alla sede del Consiglio regionale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
emilianoindennitàpugliarapportoscandalo





in evidenza
Giorgia Meloni compare in video e il cane impazzisce

MediaTech

Giorgia Meloni compare in video e il cane impazzisce


in vetrina
Francesco Totti torna in campo, il Capitano protagonista della Kings League

Francesco Totti torna in campo, il Capitano protagonista della Kings League


motori
Lancia svela la Ypsilon HF e annuncia il ritorno nei Rally Gr4

Lancia svela la Ypsilon HF e annuncia il ritorno nei Rally Gr4

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.