A- A+
Politica
Qatar-gate, indagini sui 20mln di € di Kaili a Panama. Pd, il caso Cozzolino

Qatar-gate, Cozzolino "in stretto contatto" con gli 007 marocchini

Il Qatar-gate ormai ha travolto il Parlamento europeo. Lo scandalo si sta allargando sempre di più e adesso la Procura belga ha chiesto di accelerare l'iter per togliere l'immunità a due politici di spicco coinvolti nella maxi-inchiesta, si tratta di Andrea Cozzolino del Pd e di Marc Tarabella del partito socialista. Per i dem la questione legata a Cozzolino - si legge sul Giornale - adesso diventa un vero problema. Perché se da Antonio Panzeri, in carcere ormai da quasi un mese, il Pd poteva in qualche modo prendere le distanze («in fondo si tratta di un ex deputato che ha lasciato da tempo il partito»), e se gli altri big investiti dallo scandalo, come la greca Eva Kaili e il belga Marc Tarabella, militano in partiti cugini, Cozzolino è targato 100% Pd. E nella richiesta della Procura belga di revocare la sua immunità di parlamentare europeo ci sono dettagli sconcertanti, accertati dai servizi segreti belgi prima di passare l’incartamento alla Procura ordinaria.

Cozzolino - dicono le carte e lo riporta Il Giornale -, era «in stretto contatto» con un dirigente degli 007 marocchini e avrebbe addirittura «preso ordini» dall’ambasciatore di Rabat in Polonia. A peggiorare la situazione per gli S&D ci sono le novità arrivate ieri sul conto di Eva Kaili. Per la ormai ex vicepresidente del Parlamento europeo, finita in galera perchè sorpresa in flagrante con i sacchi dei soldi, ci sono novità importanti. Dalla Grecia arriva una rivelazione che, se confermata, getterebbe una luce diversa non solo sulla Kaili ma sull’intero Qatar-gate. Una richiesta di collaborazione è stata inviata a Panama dal presidente dell’autorità antiriciclaggio greca, per individuare conti alimentati da bonifici riconducibili alla Kaili o al suo entourage. Secondo la stampa locale, l’importo totale si aggirerebbe intorno ai venti milioni di euro.


L'annuncio di Cozzolino: "Rinuncio all'immunità parlamentare"


"Dopo aver avanzato formale richiesta in tal senso alle autorità giudiziarie procedenti, l'onorevole Andrea Cozzolino chiederà anche all'assemblea parlamentare cui appartiene di essere sentito per rispondere a tutte le domande e offrire tutte le informazioni e i chiarimenti utili all'accertamento dei fatti. L'on. Cozzolino non intende invocare l'immunità parlamentare per l'attività politica che ha svolto in maniera libera e trasparente, essendo del tutto estraneo ai fatti di reato per cui si procede". Lo dichiarano in una nota gli avvocati dell'europarlamentare, Federico Conte, Dezio Ferraro e Dimitri De Beco.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
andrea cozzolinoeva kailiqatar-gate





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


motori
Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.