A- A+
Politica
“Quella stronza della Meloni”, così la premier sdogana la coattocrazia
Vincenzo De Luca e Giorgia Meloni

“Quella stronza della Meloni”, la premier e la coattocrazia

Sarebbe di un’ingenuità esiziale  pensare che il siparietto tra la premier e Vincenzo De Luca sia stato improvvisato. “Piacere, sono quella stronza della Meloni” è la summa del pensiero di Giorgia, che ha studiato nei minimi dettagli come rintuzzare e umiliare il governatore della Campania. La Meloni, si sa, ha la memoria lunga e non dimentica facilmente chi le si mette contro. 

Non si fanno prigionieri, è il motto con cui si è mossa in questi 18 mesi al potere, senza voler mai dimenticare di essere stata, anche durante l’ubriacatura per Mario Draghi, orgogliosamente “contro”. È un retaggio culturale della destra post-missina, abituata a sentirsi costantemente ai margini e per questo sempre pronta all’attacco.

LEGGI ANCHE: "Sono la stronza della Meloni": la premier saluta e gela il presidente De Luca

A Caivano dunque non si è consumato un siparietto, ma una vendetta. Non è sfuggito che le riprese stringano immediatamente sul volto di De Luca, prova che la scena era preparata. A filmare, fin da subito, il portavoce della premier Fabrizio Alfano, che poi posta tutto rapidamente sulle pagine social di Atreju, consegnando alla vitalità il siparietto.

Altro che spontaneismo à la Filippo Marinetti: lo staff di Giorgia ha preparato per giorni lo sgarbo al sultano campano. E lui, in trappola, non ha potuto fare altro che arretrare e impallidire, senza proferire verbo. Lontano dalle grammatiche istituzionali, paludate e consolidate, l’attacco a De Luca è una risposta a tutti coloro pensavano che la premier fosse stanca e “sfilacciata”.

LEGGI ANCHE: Meloni - De Luca, il best of

La mossa che sdogana definitivamente la coattocrazia al potere è il ruggito della leonessa: “Non sono debole, guai a chi mi attacca”. Segnale di forza o di debolezza? Le imminenti elezioni europee diranno di più, ma la Meloni intanto ha mostrato che, in Italia, non c’è spazio per quella calma istituzionale mostrata nei consessi internazionali. L’Italia è una Garbatella un po’ cresciuta, dove il potere si esercita ancora con la forza.

GUARDA QUI IL VIDEO DI MELONI CHE SALUTA DE LUCA






in evidenza
La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)

Italia-Croazia

La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)


in vetrina
Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"

Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.