A- A+
Politica
Siri, il M5S e l’onestà del giorno dopo. Tre domande al vicepremier Di Maio
Foto: LaPresse

Armando Siri è colpevole a prescindere, questo il capo d’accusa portato avanti dal Movimento 5 Stelle, da una settimana ormai si declina così la condotta del partito contro l’uomo, la caccia alle streghe di un senatore e sottosegretario per la prima volta nei ranghi di Governo. Indagato sulla base di intercettazioni, in un caso di corruzione.

Nelle mani degli inquirenti ci sono degli audio, anche poco chiari, di mafiosi o presunti tali che millantano intrallazzi col potere, atteggiamento tipico di criminali grandi o piccoli che vogliono ingraziarsi il sistema. Armando Siri aveva dichiarato di non essersi mai occupato di eolico, e non c’è nessuna contraddizione – come hanno invece capziosamente ritenuto il Fatto Quotidiano ed il Blog delle Stelle – con le sue successive precisazioni. Questo benedetto emendamento sull’eolico lo ha presentato, è vero, ma era una richiesta della filiera dei piccoli produttori messo insieme ad altri, e non una battaglia politica di Siri. 

Non essendo competente per materia il sottosegretario leghista si è preso la briga di farsi carico del tema come qualunque politico fa, sia che stia in Parlamento sia che stia in Consiglio Comunale, e di trasferirlo ai dicasteri competenti, nello specifico dello Sviluppo Economico. Lo stesso ministero di Di Maio, che negli ultimi giorni ha mosso critiche feroci contro Siri, il quale ha reagito definendosi usato come “carne da macello”, ed in effetti, i veleni dei presunti alleati si sprecano: “Deve stare in panchina, mettetelo da parte”, ecc.

Eppure il leader politico pentastellato, Ministro e Vice-Premier Di Maio, che oggi inveisce contro Siri, non solo non è stato onesto, ma anche omertoso e connivente, se davvero portava in seno sospetti di gravissima corruzione o di cose “poco ortodosse”. Perché non l’ha denunciato subito?

Proviamo a ricapitolare un attimo i fatti. Il sottosegretario di Di Maio in quota 5Stelle Davide Crippa, udito dai PM di Roma ha confermato di: “Avere ricevuto pressioni dal Sottosegretario Armando Siri, che intendeva inserire alcuni emendamenti relativi all’energia.” E rincara: “Ogni volta che ci contatta Siri alziamo l’attenzione del 1000 per cento.”

Bene, alla luce di questa storia iniziata a Luglio 2018, che si rimpalla per mesi, Luigi di Maio e lo stesso Crippa avevano tre possibilità:

1. Se fossero stati in buona fede, parlare con il proprio collega Siri, con il quale si presume debba esserci un rapporto di leale collaborazione, mostrando le loro perplessità. Magari così avrebbero potuto anche approfondire la buona o mala fede del sottosegretario;

2. Bypassare Armando Siri e porre la questione all’altro capo politico della coalizione, nonché collega - e soprattutto Ministro dell’interno - Matteo Salvini. Allertando dubbi e criticità sul sottosegretario, chiedendo delucidazioni;

3. Ultimo, se la fede adamantina per le Istituzioni, il cuor di leone e l’onestà fanno da padroni in casa 5Stelle, andare direttamente in procura a denunciare un presunto provvedimento figlio di corruzione ed illecita condotta.

Perché nessuno pone queste domande a Di Maio? Perché sono stati silenti fin quando la Procura non si è attivata? Perché oggi si scoprono puristi della correttezza pubblica e della tutela strenua delle Istituzioni, e quando maceravano nei sospetti hanno taciuto? Perché invece nel momento di debolezza di un alleato, in un modo vile e delatorio, infilano il coltello nella schiena di Siri? Non è mica colpa sua se il PD ha sorpassato i 5stelle. Sarebbe bello, nel dibattito pubblico, si ponessero queste domande più intellettualmente oneste.

@andrewlorusso 

Commenti
    Tags:
    caso sirilegam5s
    Loading...
    in evidenza
    Smart working, soft skills Ripensare il lavoro post-Covid

    Il rigoletto

    Smart working, soft skills
    Ripensare il lavoro post-Covid

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive

    Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.