A- A+
Roma

Per gli esperti è l'effetto combinato di recessione economica, razionamento dell'accesso al credito e l'accumulo di sofferenze e insolvenze. Uno studio della Camera di Commercio di Roma, curato dal sociologo Maurizio Fiasco, ha evidenziato come negli ultimi tre anni il rischio per le imprese di cadere vittima degli usurai è aumentato vertiginosamente.

usura

Lo studio è la seconda tappa di un’attività di ricerca volta a dimensionare il grado di esposizione delle nostre imprese al rischio di usura quale diretta conseguenza dell’indebitamento patologico. Un pericolo che non riguarda solo le micro realtà, ma anche per quelle più strutturate: evidente il disagio in cui versano le imprese, testimoniato dalla numerosità dei fallimenti dichiarati e dall’aumento delle sofferenze bancarie che, solo a Roma e provincia, superano il 10% del totale nazionale. Nella mappa della “vulnerabilità” la provincia più esposta è Napoli, la più tranquilla Bolzano.
Nell’edizione basata sui dati 2010, la posizione di Roma mostrava una netta distanza da quella delle altre province del Lazio. Roma si trovava al 47esimo posto, 20 posizioni dopo si rilevava Rieti, quindi al 75º rank Viterbo e, agli ultimi posti, Latina, 80esima e Frosinone, 82esima: a rimarcare un differenziale di rischio tra la provincia che ospita la Capitale, quelle del Lazio settentrionale e, infine, quelle del Lazio meridionale.
Nella presente edizione, basata sui dati del 2012, la Capitale scende di ben 12 posizioni nella classifica nazionale (al 59esimo posto), ma la distanza con le altre province si riduce. Rieti la segue di 4 posizioni (63esimo posto), Viterbo si trova al 72esimo posto. Frosinone e Latina, tra loro ravvicinate, sono rispettivamente all’88esimo e al 92esimo posto. È interessante, però, notare che, se la distanza tra Roma e Latina in punti si riduce ad appena 99 millesimi (da 186 nel risultato sui dati 2010), la collocazione, in graduatoria nazionale, vede la Capitale scendere dal 47esimo posto al 59esimo e perdere 227 punti millesimali, mentre le province del Lazio settentrionale scalano entrambe 3 posizioni: Rieti passa dal rank 66 al 63, Viterbo dal rank 75 al 72: pur perdendo, entrambe, oltre 100 millesimi (rispettivamente 127 e 121).
Le due province meridionali della regione (Latina e Frosinone) peggiorano la collocazione: la provincia Pontina di 12 posizioni (dall’80 al rank 92) e quella di Frosinone di 6 posti con - 48 millesimi e da 82esima scende a 88esima, con -142 millesimi. Questa immagine d’insieme attesta, se ce ne fosse ancora bisogno, l’impatto pesante della crisi finanziaria, che nel Lazio ha mostrato i suoi segni più duri un biennio dopo l’onda d’urto provocata dal fallimento della banca d’affari “Lehman Brothers” (2008) sulle economie dell’Europa, in generale, e dell’area Euro in particolare.

TUTTI I DATI DELLO STUDIO E LA CLASSIFICA
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
camera di commercio di romadebitiusura



Scuola, Pratelli: "Asilo nido gratis se Isee sotto ai 25mila euro"

Scuola, Pratelli: "Asilo nido gratis se Isee sotto ai 25mila euro"

i più visti
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.