I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Convegno a Brindisi sui nuovi accertamenti di lavoro

Il 18 luglio si terrà presso la sede di Confesercenti Brindisi un importante convegno per fare il punto sulle recenti novità introdotte in materia di accertamenti contributivi e verifiche in materia di lavoro.

 

Il prossimo 18 luglio Confesercenti Brindisi organizza, presso la propria sede di via Rubini 12 (7° piano) un importante incontro dal titolo "Diritti delle Aziende - Novità 2024. Nuove sfide e garanzie necessarie". Il meeting esaminerà le recenti modifiche legislative introdotte dal Dl n.19/2024 e il loro impatto sugli accertamenti contributivi e le verifiche in materia di lavoro (inizio dei lavori a partire dalle ore 15.30).

La recente riforma tributaria e il Dl n.19/2024 hanno profondamente modificato i diritti delle aziende in materia di lavoro, introducendo accertamenti contributivi d'ufficio e abolendo il diritto di presentare memorie successive alle verifiche. Inoltre, l'Inps avrà la facoltà di emettere avvisi di addebito basati anche solo su dichiarazioni di terzi.

L’evento verterà sul prezioso contributo dell’avvocato Matteo Sances, direttore scientifico del Centro studi giuridici Sances, che relazionerà su “Implicazioni del Dl 19/2024 sugli accertamenti contributivi e le tutele aziendali” e della dott.ssa Giusy Rosiello, presidente Ordine Consulenti del Lavoro, la cui relazione verterà sul tema “Diritti delle Aziende - Novità 2024. Nuove sfide e garanzie necessarie".

 

"Occorre riconoscere in materia di lavoro – dichiara l’avv. Sances - almeno le garanzie previste in ambito fiscale. Il Dl n.19 del 2 marzo 2024, convertito con legge n.56 del 29 aprile 2024, accentua ulteriormente il carattere inquisitorio delle indagini e delle verifiche in materia contributiva da parte dell'Inps”.

In effetti, l'articolo 30, comma 10 del predetto decreto sembrerebbe concedere all'Inps notevoli poteri in materia di accertamenti d'ufficio, basandosi su elementi tratti da banche dati e dichiarazioni di terzi, senza la possibilità per il contribuente di confrontarsi preventivamente con l'Inps, come previsto invece in materia fiscale. Tale riforma ha eliminato la possibilità per le aziende di presentare memorie all'Inps successivamente alle verifiche in materia di lavoro e diverse sentenze recenti si sono espresse invece in maniera contraria.

"Il quadro normativo è complicato – dice ancora l’avv. Sances - e le possibilità di difesa delle aziende sono limitate, ma è fondamentale di contro insistere nella difesa delle aziende basandosi sui principi generali del procedimento amministrativo e sulle parti non toccate della riforma dello Statuto del Contribuente (art. 12 legge n.212/2000). Si auspica che il Legislatore possa intervenire per risolvere queste problematiche".

Introdurrà i lavori il Presidente Prov.le di Confesercenti, Michele Piccirillo.

 

Confesercenti invita i consulenti del lavoro della provincia di Brindisi a partecipare a questo importante incontro per approfondire e discutere insieme le nuove sfide e le garanzie necessarie per le aziende nel 2024. La partecipazione al meeting dà diritto all’acquisizione di crediti formativi.






in evidenza
Affari in Rete

Esteri

Affari in Rete


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
NISMO torna in Europa con la nuova Nissan Ariya NISMO elettrica

NISMO torna in Europa con la nuova Nissan Ariya NISMO elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.