I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Imposta di registro su decreto ingiuntivo: ecco quando è fissa

Il decreto ingiuntivo emesso su fatture per prestazioni di servizi è soggetto a imposta di registro in misura fissa.

Ciò è quanto sancito dalla Commissione Tributaria Regionale di Milano che, con recente sentenza, ha chiarito i criteri per l’applicazione dell’imposta di registro sui decreti ingiuntivi (sentenza n.4859/2019 depositata il 3.12.2019, liberamente visibile su  www.studiolegalesances.it  – sez. Documenti).

Sul punto, la posizione del Fisco, invece, era quella di applicare l’imposta di registro nella misura proporzionale del 3% sul valore del decreto ingiuntivo poiché alcune pretese indicate in fattura erano fuori campo iva (in pratica le fatture riguardavano somministrazione di lavoro e dunque alcune componenti come i contributi previdenziali e assistenziali non erano soggette a iva).

Per i giudici milanesi, dunque, va applicato l’art.40, comma 1, del DPR n.131/86, il quale prevede che per tutti gli atti relativi a cessioni di beni e prestazioni di servizi soggetti a iva l’imposta di registro si applica in misura fissa.

Nello specifico, per i giudici meneghini “la ratio della norma sopra citata è evidente volendo il legislatore evitare l’assoggettamento a iva oneri di palese natura retributiva e contributiva estranei in quanto tali all’ambito di applicazione del tributo e altri tributi…. Pertanto l’imponibile fuori campo iva indicato nelle fatture costituisce una parte integrante delle fatture e rappresenta il costo del lavoro dei lavoratori somministrati e tali importi non possono essere nuovamente tassati con aliquota proporzionale per il solo fatto che gli stessi sono fuori campo iva come sostenuto dall’Ufficio. Il richiamato principio dell’alternatività trova applicazione in linea generale, non soltanto con riferimento alle operazioni imponibili ai fini iva ma anche con riferimento a operazioni iva non imponibili, a quelle fuori campo a quelle escluse… Quindi l’imposta di registro sui decreti ingiuntivi si applica in buona sostanza proprio in relazione al principio di alternatività iva/registro ex art.40 dpr 131/86 avuto riguardo l’operazione sottostante”.

Dott.ssa Donatella Dragone

Avv. Matteo Sances

www.centrostudisances.it

Commenti
    Tags:
    #impostadiregistro #impostadiregistrofissa #dragonecommercialisti #avvsances
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

    Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes: il futuro è completamente elettrico

    Mercedes: il futuro è completamente elettrico


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.