A- A+
Il Sociale
Israele, campagna vaccinale “illecita e razzista”. La denuncia di 165 ong
(fonte Lapresse )

La campagna vaccinale di Israele è “discriminatoria, illecita e razzista”. A denunciarlo è un gruppo di 165 ong palestinesi, che hanno messo sotto i riflettori l’azione che ha consentito al paese di diventare lo stato con il maggior numero di vaccinati al mondo in proporzione alla popolazione. La discriminazione ha colpito sia i palestinesi che vivono in territorio israeliano, sia quelli che abitano a Gaza e Cisgiordania.

Diritto internazionale violato. Israele continua a favorire, anche attraverso espropri e occupazioni, la crescita di colonie nei territori palestinesi, soprattutto in Cisgiordania, violando così gli accordi di Oslo del 1993. Da un punto di vista legale, inoltre, Israele è uno stato occupante, obbligato dunque a rispettare il diritto umanitario: aver concesso dosi di vaccino solo a una piccola porzione degli operatori sanitari in Cisgiordania, vìola gli obblighi previsti dalla IV Convenzione di Ginevra. Nello specifico, gli articoli 55 e 56 prevedono l’obbligo per l’occupante di assicurare cibo e medicinali.

Nessun diritto alla salute. Oltre alla violazione del diritto umanitario, Israele si è resa responsabile di infrangere anche quello alla salute. Per Human Rights Watch, le autorità non hanno rispettato la convenzione sui diritti economici, sociali e culturali (Icescr) e quella sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale (Icerd), sebbene siano state sottoscritte da Israele: sono stati violati il diritto alla salute e altri diritti garantiti da questi documenti. L’Icerd, per esempio, garantisce il “diritto a sanità, cure mediche, previdenza sociale e servizi sociali”, che non possono essere negati per “razza, colore od origine nazionale o etnica”. Secondo il Comitato per i diritti economici e sociali, non riconosciuto però da Israele, i paesi devono agire con misure “volte a prevenire, gestire e controllare la diffusione di malattie epidemiche e infettive”.

Mancate consegne. Israele avrebbe ostacolato anche l’arrivo di vaccini Sputnik V regalati dalla Russia, che servivano a vaccinare 5mila palestinesi. Ora l’Autorità palestinese aspetta altre 50mila dosi dal programma Covax dell’Organizzazione mondiale della sanità: non potendo procurarsi i vaccini da sola, non ha altra alternativa.

L’articolo integrale di Stefania Iacuzzi, Giulia Petrilli e Roberto Renino (Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Master in Diritti umani e gestione dei conflitti), “Vaccini Israele: violato il diritto alla salute dei palestinesi”, può essere letto su Osservatorio Diritti.

Da Redattore Sociale

Commenti
    Tags:
    israeleongcampagna vaccinale
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    De Magistris:"Vaccinare tutti, anche i migranti. Altrimenti è discriminazione"

    Cronache

    De Magistris:"Vaccinare tutti, anche i migranti. Altrimenti è discriminazione"

    i più visti
    in vetrina
    Elettra Lamborghini senza il reggiseno. Wanda Nara esplosiva e...

    Elettra Lamborghini senza il reggiseno. Wanda Nara esplosiva e...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Jeep® Wrangler 4xe plug-in hybrid,ordinabile in Italia

    Nuova Jeep® Wrangler 4xe plug-in hybrid,ordinabile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.