A- A+
Il Sociale
Coronavirus, quarantena e il suicidio: "La storia insegna che il legame c'è"

C'è il rischio, molto concreto, che i suicidi possano aumentare, per via dell'emergenza sanitaria in corso e delle relative misure restrittive. Ne è quasi certo, ma “spera di sbagliarsi” Maurizio Pompili, medico psichiatra, professore ordinario di psichiatria responsabile del Servizio per la prevenzione del suicidio presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant'Andrea, Sapienza Università di Roma. “Oggi si pensa alla salute, quella fisica prima di tutto. Ma non si trascuri la salute mentale, che subirà forti ripercussioni per via della crisi che stiamo attraversando. Non è troppo presto per incentivare le misure di prevenzione e sostegno”. Ecco l'intervista da redattoresociale.it.

Esiste quindi una correlazione tra limitazione della libertà personale e tendenza al suicidio?
La storia insegna: in passato, misure di quarantena collettiva sono state descritte come associate ad un aumento della rischiosità suicidaria. Ma i soggetti in crisi non vogliono morire piuttosto vivere se riusciamo nel dare loro una prospettiva di sollievo. Allo stesso tempo, la letteratura riporta che in frangenti come quello attuale vi può essere l'incremento di altri fenomeni, come gli abusi in famiglia, i disturbi psichici, i divorzi, le azioni legali. Per quanto riguarda la tendenza al suicidio, uno dei fattori scatenanti è la perdita delle aspettative future: sappiamo bene che quando il domani diventa incerto o cupo, il suicidio è in agguato. E poi, quando l'emergenza sarà passata, avremo a che fare con le ripercussioni economiche derivanti dall'aver fermato il mondo. L'Italia è quella che ora ha il primato delle morti e si va sempre più verso una riduzione delle attività commerciali. Questo produrrà una precarietà economica che avrà, soprattutto per alcuni, un forte impatto. Si deve dunque giocare di anticipo ed aiutare le fasce più vulnerabili. Possiamo trarre spunto dalla storia recente. Come è stato dieci anni da, quando per la crisi economica tanti imprenditori si sono indebitati e abbiamo avuto un aumento del rischio di suicidio. Oggi, abbiamo motivo di pensare che noi, operatori della psichiatria e della salute mentale, lavoreremo di più...

Si sta registrando, in queste prime settimane di restrizioni dettate dall'emergenza sanitaria, un aumento delle richieste d'aiuto relative a tendenze suicide?
Giustamente la Regione ha fermato tutte le prestazioni ambulatoriali e day hospital: laddove noi funzionavamo come sportello interlocutorio, ora possiamo occuparci solo delle urgenze, che è anche difficile decodificare, anche perché dobbiamo evitare posti affollati ed attività a pieno regime in ospedale. In questo momento il mio staff (medici, psicologi, specializzandi, ecc.) si è ridotto notevolmente: è quindi difficile accogliere le richieste laddove si è chiuso il canale attraverso cui le raccoglievamo. In parte si riesce a supplire telematicamente, ma questo avviene soprattutto nel privato. Nel pubblico non abbiamo ancora un canale di telemedicina validato. E questo deve insegnarci qualcosa sul futuro delle prestazioni sanitarie: il Servizio sanitario nazionale dovrà dotarsi di un 'piano B', mettendo a disposizione piattaforme dedicate e validate per la presa in carico. Fermo restando che non tutti i disturbi possono essere affrontati a distanza: se c'è una tendenza al suicidio, è molto difficile accoglierla e contenerla senza un contatto reale.

Quali crede che siano, in questa situazione, le categorie maggiormente esposte al rischio di suicidio?
Dobbiamo sempre ricordare che il suicidio è un evento multifattoriale: non basta una causa, ma tanti elementi si devono allineare perché si realizzi. Il denominatore comune è il dolore mentale del soggetto, fatto di pensieri, ragionamenti, dialogo con se stesso, sconfitte e umiliazioni ecc. Laddove il dolore mentale è già presente, esacerbarlo diventa più facile in condizioni di ristrettezza e segregazione come quelle imposte da quarantena. Penso quindi alle famiglie rinchiuse nello stesso ambito, in cui sia già presente una conflittualità o una fragilità: penso a tutte le persone che abbiano già un disturbo mentale: la loro sofferenza certamente aumenta, per la mancanza di sostegno, la paura e l'isolamento, e questo potrebbe portarle a voler smettere di vivere. Penso a chi ha già un dolore o una malattia in casa. E penso a chi fino a ieri ha vissuto, magari bene, con un'attività autonoma, che improvvisamente si è fermata. Si manifesteranno nel prossimo futuro problematiche per le quali dovremmo giocare d'anticipo, offrendo sostegni adeguati.

Le pare che questo si stia facendo?
In questo momento si pensa a buon diritto soprattutto a contenere il contagio e si investe in questa direzione. Ma non è certo troppo presto per mettere in campo sostegni e risorse per la salute mentale. Parlare di questo può sembrare meno pregnante, quando si devono salvare le vite. Ma tutte le istituzioni internazionali si stanno mobilitando perché ci sia grande enfasi sulla salute mentale. Non è precoce né improprio andare ad agire d'anticipo.

Che ruolo gioca la rete sociale nella prevenzione del suicidio?

Spesso un ruolo fondamentale: laddove la tendenza al suicidio è sostenuta da una rete sociale, laddove il soggetto si sente parte di un tessuto collettivo, il rischio è minore. Ora, la paura e la segregazione fanno venir meno tutto questo. E poi c'è la noia, che è uno degli elementi non trascurabili associati al rischio di suicidio. In questo senso, le manifestazioni di solidarietà così come i concerti e gli striscioni sui balconi possono aiutare a sentirsi parte di una comunità che condivide in questo momento lo stesso problema. In questo momento non c'è una cartella esattoriale che bussa alla porta di alcuni, ma un virus che può colpire chiunque. Paradossalmente, questa consapevolezza può far bene a chi ha una fragilità.

E l'informazione, che ruolo può svolgere nel contenere il rischio di suicidio?
Un ruolo importante: siamo bombardati ogni giorno da notizie drammatiche, senza che ci venga detto se e come verremo fuori da tutto questo. Il governo inglese, per esempio, ha dichiarato che in dodici settimane se ne uscirà. E’ un messaggio molto promettente che da speranza sebbene ci sia bisogno di cautela soprattutto nell’evitare di deludere le aspettative. Se comunque ci fossero messaggi di sostengo e di prospettiva trasmessi a tutti, naturalmente con cognizione di causa, questo sarebbe un elemento di sostegno. I mass media dovrebbero dare messaggi che controbilancino la drammaticità: elementi di positività, prospettiva, indicazioni pratiche su come chiedere aiuto. Sul nostro sito, per esempio, si possono trovare diverse informazioni. Fornire questo genere d'informazione e diffondere messaggi di concreta positività sarebbe un deterrente fortissimo. 

da Redattore Sociale

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirus quarantenasuicidioquarantena suicidio
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Dal Covid al tasso di natalità L'idea di Gallera in versione hot

    Coronavirus vissuto con ironia

    Dal Covid al tasso di natalità
    L'idea di Gallera in versione hot

    i più visti
    in vetrina
    Madonna seminuda e reggiseno trasparente: "Se vi scandalizza..."

    Madonna seminuda e reggiseno trasparente: "Se vi scandalizza..."


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    1970,dalla collaborazione tra Citroen e Maserati nasceva la SM

    1970,dalla collaborazione tra Citroen e Maserati nasceva la SM


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.