A- A+
Il Sociale
Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani: "Urgente la riforma del TSO"
Foto LaPresse - Andrea Panegrossi 02/05/2018- Roma, Italia Cronaca Campidoglio. Flash mob per i 40 anni della legge Basaglia sulla chiusura dei manicomi con Dario D'Ambrosi fondatore del Teatro Patologico Nella foto: Dario D'Ambrosi

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani: la riforma del Trattamento Sanitario Obbligatorio non può più essere rinviata

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani torna a parlare di TSO in occasione del quattordicesimo anniversario della scomparsa di Giuseppe Casu, morto al termine di una contenzione ininterrotta durata sette lunghissimi giorni in un reparto di psichiatria a Cagliari. "Il processo si concluse con un nulla di fatto perché non fu possibile determinare la causa del decesso: le sue parti anatomiche erano state fatte sparire, e sostituite con quelle di un altro uomo", spiega una nota del Comitato.

La teleconferenza è stata trasmessa in diretta sui canali social del CCDU. Dopo che il Presidente del CCDU, avv. Enrico Del Core, ha illustrato la legge e i principi del diritto che riguardano il TSO, ha preso la parola l’avvocato Michele Capano, rappresentante dell’Associazione Diritti alla Follia e membro del Consiglio Generale del Partito Radicale.

Capano ha ricordato le battaglie radicali sul tema dei manicomi, lamentando come la riforma, approvata in fretta a furia per evitare il referendum sulla chiusura dei manicomi, non abbia prodotto il cambiamento auspicato da Franco Basaglia: “Se vogliamo cambiare le cose, dobbiamo combattere una battaglia culturale per cambiare le idee: gli psichiatri, anche i sedicenti basagliani, hanno apertamente criticato il nostro progetto di riforma. Non vogliono telecamere, non vogliono le visite dei parenti, non vogliono l’intromissione di avvocati o associazioni nei loro reparti, e il motivo è semplice: non vogliono che si veda il desolante spettacolo di persone legate ai letti di contenzione, e sedate fino al punto di non poter articolare un pensiero o una frase compiuta.”

Per il dott. Roberto Cestari, medico e presidente onorario del CCDU, uno stato democratico dovrebbe avere la capacità di ammettere i propri errori e porvi rimedio: “Aspettiamo speranzosi l’esito della vicenda di Dario Musso, il rapper di Ravanusa sottoposto poche settimane fa a un TSO assai controverso, e ben documentato da un video diventato virale in rete. Le violazioni sono così eclatanti e ben documentate da non lasciare adito a dubbi. Se negheranno l’evidenza, significherà che non viviamo in una democrazia, ma in una dittatura.”

Loading...
Commenti
    Tags:
    comitato dei cittadini per i diritti umanitsotrattamento sanitario obbligatorio
    Loading...
    in evidenza
    Fico mostra un lato B 'poetico' Ma la mano del fidanzato...

    Belen, Diletta e... Le foto delle Vip

    Fico mostra un lato B 'poetico'
    Ma la mano del fidanzato...

    i più visti
    in vetrina
    Costa Crociere: riparte il 6 settembre 2020 con l'ok del Governo

    Costa Crociere: riparte il 6 settembre 2020 con l'ok del Governo


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Maserati svela la Ghibli e Quattroporte Trofeo, le più veloci di sempre

    Maserati svela la Ghibli e Quattroporte Trofeo, le più veloci di sempre


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.