A- A+
Sport
Capello, in Russia è colletta multi-milionaria per cacciarlo

Un gruppo di tifosi ha dato il via a una campagna di raccolta fondi per licenziare il ct della nazionale Fabio Capello, da ormai un anno al centro di infinite polemiche legate alle deludenti performance della squadra e al suo elevato salario. L'obiettivo dell'iniziativa e' arrivare a 21,4 milioni di euro, la cifra necessaria per liquidare il tecnico friulano.

"Cari amici! Crediamo che chiunque non sia indifferente al destino del calcio russo sia stato amaramente deluso dalle recenti performance della nostra nazionale", si legge in un comunicato sull'apposito sito fabiogohome.betfoot.ru. "Recenti sondaggi mostrano che la stragrande maggioranza dei tifosi di calcio del Paese vuole che Capello se ne vada - spiegano gli ideatori della campagna, che si dicono indipendenti e non legati ad alcuna organizzazione ufficiale - per farlo, pero', la Federcalcio russa (Rfu) deve pagargli una penale elevata: 21,4 milioni di euro".

Dopo la sconfitta di domenica con l'Austria in casa, gia' nelle scorse ore, la Rfu aveva ventilato la possibilita' di un esonero dell'allenatore italiano. "Non so, ne discuteremo", ha detto il presidente ad interim Nikita Simonian. Anche il ministro dello Sport, Vitali Mutko, dopo l'ultima brutta performance, ha scaricato Capello: "Restituiremo alla nazionale la sua anima, ve lo prometto".

Tags:
capellorussiacolletta
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.