Pesante come un macigno, anche se il 'Killer di Spoltore', cosi' lo chiamano i suoi fans, si era gia' organizzato, e da anni ormai ha messo in piedi una ditta di vendita di biciclette nella sua Pescara. Due ruote e pedali, sicuramente resteranno sempre le sue passioni, anche se non potra' piu' montarci sopra con un numero sulla schiena e una tappa da vincere. Paga il fatto di essere stato trovato positivo per la seconda volta al Giro d'Italia. La prima, nel 2009, gli costo' uno stop per due anni poi ridotti a 15 mesi. Come aggravante nel suo passato, anche quella frequentazione con il dottore Carlo Santuccione, medico sospeso a vita dal Coni.

Una recidivita' che ora gli costa la sua professione: "Forse dovevo essere io il primo che doveva pagare per tutti e cosi' e' stato"', osserva Di Luca, che starebbe pensando assieme al suo avvocato, Ernesto De Toni, alla possibilita' di ricorrere in appello. All'uscita dal Tna, Di Luca ne ha avute per tutti, anche per il presidente federale, Renato Di Rocco, che in mattinata, nel Giro d'Onore del Ciclismo, aveva tuonato: "Solo uno stupido poteva rischiare queste cose visti i danni che aveva gia' creato al ciclismo". Di Luca non ci sta e replica: "Di stupidi ce ne sono tanti, uno che mi viene in mente (mistero sul riferimento, potrebbe essere qualche addetto federale, ndr) non fa piu' il lavoro che faceva fino a qualche giorno fa. Di Rocco puo' dire quello che vuole, sicuramente io ho fatto degli errori ma anche lui nella sua vita di errori penso ne abbia fatti tanti e magari ne commettera' altri".

Un'altra brutta pagina che si volta per il ciclismo, alla costante ricerca di un domani felice e pulito. Oggi lo stesso presidente del Coni, Giovanni Malago', ha chiesto un ritorno alla serenita' per uno sport messo in ginocchio a causa del doping: "Non sopporto il fatto che si voglia sempre disturbare il ciclismo, quando si deve sempre e solo sistematicamente evidenziare le cose negative che non vanno e sputtanano il nostro ambiente. "Mentre tutte le altre cose - ha aggiunto il numero uno del Comitato Olimpico - sono date per scontate e non fanno piu' notizia e io questo non posso accertarlo, il ciclismo ha pagato un prezzo elevato. E' una specie di dogma evidenziare le cose negative". L'auspicio e' che quanto accaduto a Di Luca possa far riflettere i giovani sulla strada da seguire. La piu' breve spesso nasconde solo insidie e scorrettezze.

2013-12-06T09:14:08.82+01:002013-12-06T09:14:00+01:00truetrue1416116falsefalse82Sport/sport4131039814162013-12-06T09:14:08.883+01:0014162013-12-06T11:47:14.683+01:000/sport/doping-di-luca-squalificato-vita-061213false2013-12-06T09:19:34.89+01:00310398it-IT102013-12-06T09:14:00"] }
A- A+
Sport

Danilo Di Luca, vincitore del Giro d'Italia 2007 e di importanti classiche come l'Amstel Gold Race, la Freccia Vallone, la Liegi-Bastogne-Liegi e il Giro di Lombardia, dice addio alla sua professione. Squalificato a vita, questa la sentenza shock (anche se prevedibile) emessa dalla seconda sezione del Tribunale Nazionale Antidoping presieduta dall'avvocato Luigi Fumagalli. E' la prima volta che un ciclista italiano viene radiato: "Non e' una cosa bella -attacca il 37enne abruzzese - non c'e' da esserne felici ma era gia' tutto scritto e questo mi fa pensare che devo pagare per tutti".

danilo di luca ape
 

Pesante come un macigno, anche se il 'Killer di Spoltore', cosi' lo chiamano i suoi fans, si era gia' organizzato, e da anni ormai ha messo in piedi una ditta di vendita di biciclette nella sua Pescara. Due ruote e pedali, sicuramente resteranno sempre le sue passioni, anche se non potra' piu' montarci sopra con un numero sulla schiena e una tappa da vincere. Paga il fatto di essere stato trovato positivo per la seconda volta al Giro d'Italia. La prima, nel 2009, gli costo' uno stop per due anni poi ridotti a 15 mesi. Come aggravante nel suo passato, anche quella frequentazione con il dottore Carlo Santuccione, medico sospeso a vita dal Coni.

Una recidivita' che ora gli costa la sua professione: "Forse dovevo essere io il primo che doveva pagare per tutti e cosi' e' stato"', osserva Di Luca, che starebbe pensando assieme al suo avvocato, Ernesto De Toni, alla possibilita' di ricorrere in appello. All'uscita dal Tna, Di Luca ne ha avute per tutti, anche per il presidente federale, Renato Di Rocco, che in mattinata, nel Giro d'Onore del Ciclismo, aveva tuonato: "Solo uno stupido poteva rischiare queste cose visti i danni che aveva gia' creato al ciclismo". Di Luca non ci sta e replica: "Di stupidi ce ne sono tanti, uno che mi viene in mente (mistero sul riferimento, potrebbe essere qualche addetto federale, ndr) non fa piu' il lavoro che faceva fino a qualche giorno fa. Di Rocco puo' dire quello che vuole, sicuramente io ho fatto degli errori ma anche lui nella sua vita di errori penso ne abbia fatti tanti e magari ne commettera' altri".

Un'altra brutta pagina che si volta per il ciclismo, alla costante ricerca di un domani felice e pulito. Oggi lo stesso presidente del Coni, Giovanni Malago', ha chiesto un ritorno alla serenita' per uno sport messo in ginocchio a causa del doping: "Non sopporto il fatto che si voglia sempre disturbare il ciclismo, quando si deve sempre e solo sistematicamente evidenziare le cose negative che non vanno e sputtanano il nostro ambiente. "Mentre tutte le altre cose - ha aggiunto il numero uno del Comitato Olimpico - sono date per scontate e non fanno piu' notizia e io questo non posso accertarlo, il ciclismo ha pagato un prezzo elevato. E' una specie di dogma evidenziare le cose negative". L'auspicio e' che quanto accaduto a Di Luca possa far riflettere i giovani sulla strada da seguire. La piu' breve spesso nasconde solo insidie e scorrettezze.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
dopingdi lucaciclismosqualifica
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.