A- A+
Sport
Europei, ora la Spagna ha paura: "Italia da record, giocando all'attacco"
(Lapresse)

L’Italia di Roberto Mancini fa davvero paura alla Spagna. Lo si intuisce anche dalla campagna “We need you”, che la federcalcio iberica ha organizzato per invitare gli spagnoli residenti in Inghilterra ad andare a Wembley: la quarantena impedisce gli arrivi dalla Spagna e dall’Italia e quindi si punta sugli “expat” per sostenere le Furie Rosse contro gli Azzurri!

La considerazione nei confronti di Giorgio Chiellini e compagni emerge chiaramente anche da un articolo dell’autorevole “Sport”, nel quale si afferma che “l’Italia ha sempre instillato paura nei suoi rivali. I suoi quattro Mondiali, vinti nel 1934, 1938, 1982 e 2006, lo attestano. Ma mentre prima era capace di vincere con un calcio tanto economico quanto efficace, ora la squadra azzurra è offensiva, brillante e spettacolare. Una trasformazione che ha un nome e un cognome, quello di Roberto Mancini, e che va di pari passo con il cambiamento, anche in meglio, dello stesso Calcio. La Serie A in quest'ultima stagione ha segnato una media di 3,06 gol a partita quando, ad esempio, il campionato spagnolo è rimasto a 2,51. Per riflettere”.

Secondo “Sport” il 10 settembre 2018 “ha segnato un prima e un dopo. L'Italia ha perso contro il futuro campione del Portogallo 1-0 in Nations League. Era l'ultima volta che Roberto Mancini, che aveva preso le redini degli Azzurri dopo l'umiliazione di essere stati esclusi dal Mondiale, giocava con un doppio perno in un 4-4-2 e si preoccupava più del rivale che di se stesso. Ha visto la luce nello stadio di Lisbona e da qui in poi, una striscia stratosferica di 32 partite consecutive senza sconfitte, di cui 27 vittorie”.

Sono infatti già 13 le vittorie consecutive che l'Italia ha accumulato prima della sfida di domani contro la Spagna nelle semifinali dell'Europeo. I detrattori ricordano che una squadra del suo stesso livello non si sia ancora misurata in questo cammino, anche se nei quarti di finale, sua ultima partita, ha battuto un Belgio arrivato all'Allianz Arena da numero 1 del ranking Fifa”, continua l’articolo.

“Se batterà la Spagna, l'Italia diventerà la prima squadra della storia capace di mettere a segno sei vittorie in una fase finale degli Europei, e anche di fila. Sono tutti record di questi Azzurri, ma ciò che è veramente significativo è che la nuova nazionale li raggiunge seppellendo definitivamente quel 'catenaccio' che lo ha accompagnato per tanti decenni. L'Italia di Mancini vince e convince, prende l'iniziativa nelle partite e non si tira indietro quando segna il primo. Un temibile rivale”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    spagnaeuropeiitaliaroberto mancinisemifinalewembley
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

    Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.