A- A+
Sport
Inter-Napoli riapre la lotta per lo scudetto... e la protesta contro DAZN
Lukaku abbraccia Dzeko, autore del gol che ha deciso Inter-Napoli

DAZN: problemi di visione nei primi 35 minuti della sfida, decisiva per la corsa al titolo
 

Inter-Napoli segna la riapertura della lotta per lo scudetto, ma anche le polemiche sul servizio di DAZN. Torna il campionato, tornano i problemi del calcio: dagli insulti razzisti nei confronti di Umititi durante Lecce-Lazio alle difficoltà di visione durante i primi 35 minuti del big match di San Siro.

Una partita, oltretutto, dall'esito-chiave per il proseguo del campionato, perché l'unico gol della partita, quello di Dzeko, rilancia non solo le ambizioni dell'Inter (ora a -8 dal Napoli capoclassifica), ma anche della Juventus (-7) e del Milan (-5) vittoriose rispettivamente sui campi di Cremonese e Salernitana.

Tuttavia, l'attesissima sfida Inter-Napoli ha fatto arrabbiare molti telespettatori che, dopo due mesi di digiuno dalla serie A per via del mondiale in Qatar, non sono riusciti a godersi la prima parte dell'incontro e hanno affidato ai social la loro protesta.

 

 

Il segnale di DAZN è poi tornato regolare intorno al 35° minuto del primo tempo, ma tifosi e addetti ai lavori si sono sentiti beffati perché il problema tecnico è arrivato alla ripresa del campionato e subito dopo l'aumento deciso dalla piattaforma per i nuovi abbonati, in contrasto con gli inviti dell'Antitrust.

 

Gli aumenti di DAZN per il 2023: quanto costano i nuovi piani di abbonamento

Il nuovo piano “Standard” (con due visioni abilitabili sulla stessa rete domestica) è legato all'aumento dell'offerta, che DAZN ha potuto implementare grazie all'accordo con Eleven Sports, ampliando il palinsesto con la serie C, il basket (Eurolega, Eurocap e serie A), il rugby, la boxe, il football americano e altri sport. Il costo è rimasto invariato a 29,99 euro al mese, ma a condizione di sottoscrivere un abbonamento annuale, mentre se si opta per la sottoscrizione mensile, la tariffa sale a 39,99 euro. 

Il piano "Plus", che offre fino a un massimo di quattro visioni in contemporanea (sempre stessa rete), la registrazione fino a un massimo di sette dispositivi all'App DAZN e la possibilità di utilizzare il servizio in mobilità, con contemporaneità della visione. In questo caso il costo è di 44,99 euro con abbonamento annuale e 54,99 con quello mensile.

C'è poi una possibilità decisamente economica, fornita dal piano "Start": con 12,99 euro al mese si possono vedere tutti gli sport, ma con la significativa eccezione del calcio. E in Italia questo non è certo un dettaglio: anzi, i telespettatori che vengono privati del pallone tendono a innervosirsi parecchio.

 

 

 

Un nuovo grattacapo per la piattaforma nata nel 2007 nel Regno Unito. In Italia non è una novità e proprio nella governance alle nostre latitudini si registrano cambiamenti. Veronica Diquattro, scrive Italia Oggi, lascia il cda della italiana Dazn media services srl dopo essere stata CEO nel nostro Paese e, dallo scorso autunno, Chief Revenue Officer per l’Europa, con il compito di supervisore le operazioni commerciali di Dazn Italia, Spagna e Dach (Germania, Austria e Svizzera). Dal marzo 2022 al suo posto c'è Stefano Azzi, ex Tim, Wind e Colgate – Palmolive.

 

dazn diletta leotta giorgia rossi
 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
calciodaznedin dzekointer-napolijuventusmilanserie a




in evidenza
Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni

Guarda la gallery

Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni


in vetrina
Affari in rete/ Elezioni in Sardegna, la discesa della Lega dal 2019 a oggi

Affari in rete/ Elezioni in Sardegna, la discesa della Lega dal 2019 a oggi


motori
McLaren Artura Spider 2025: innovazione e prestazioni per la supercar ibrida

McLaren Artura Spider 2025: innovazione e prestazioni per la supercar ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.