A- A+
Juventus News
Antibiotici: l’uso di antibiotici aumenta il rischio di malattie mentali

Antibiotici: l’uso di antibiotici aumenta il rischio di malattie mentali

L’uso di antibiotici in età infantile può predisporre i bambini ed i futuri ragazzi al rischio di sviluppare depressione, autismo e disturbi neurovegetativi

Bambini e antibiotici: bambini che prendono antibiotici più a rischio di malattie mentali

L’uso di antibiotici potrebbe comportare un rischio maggiore per i bambini ed esporli all’insorgenza di malattie mentali. Gli autori di uno studio danese pubblicato su Jama Psychiatry hanno anche scoperto che la connessione tra antibiotici e malattie mentali in parte perché gli antibiotici colpiscono i batteri nel microbioma intestinale.

Antibiotici ed effetti collaterali su bambini: rischio malattie mentali su coloro che usano antibiotici. Studio

Lo studio, fondato sulle teorie emergenti dell’interazione funzionale tra infezione, microbioma intestinale e malattia mentale, è uno dei circa 50 articoli pubblicati utilizzando i dati del Registro di ricerca centrale psichiatrica danese dalla seconda metà del 2018.Questo registro tiene traccia, per la prima volta, dei dati clinici di oltre un milione di persone - in questo caso, dati dal 1995 in poi su danesi che sono stati curati per malattie mentali nei primi 17 anni di vita, in ospedale o in ambulatorio. Ogni misura dello stato di salute generale e mentale, comprese le prescrizioni e le storie familiari, è stata documentata per ogni individuo con l'età.

Le dimensioni di questo registro stanno fornendo ai ricercatori internazionali opportunità senza precedenti di rispondere a domande mirate sui legami tra la storia della vita e lo stato di salute mentale.

Antibiotici e predisposizione alle malattie mentali: autismo, Alzheimer e depressione. I risultati dello studio

È stato suggerito che il microbioma intestinale, la comunità batterica estremamente diversificata che ospitiamo nel nostro intestino, invia segnali al cervello, modulando i nostri stati d'animo e, possibilmente, la nostra predisposizione alla malattia mentale.

Studi su modelli animali hanno già documentato l'associazione tra batteri e depressione.

Un gruppo di ricerca ha dimostrato che i topi trattati con antibiotici hanno subito delle alterazioni del microbioma intestinale registrando risultati peggiori nei test di memoria.

Gli animali impoveriti di batteri intestinali che usano antibiotici ad ampio spettro hanno subito diversi cambiamenti e sviluppato disturbi come l’autismo, la malattia di Alzheimer e la depressione.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    antibioticiantibiotici effetti collateraliantibiotici depressioneantibiotici malattieantibiotici alzheimerantibiotici autismoantibiotici in età infantileantibiotici bambini
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.