A- A+
Milan News
Pensioni, APE STANGATA ai pensionati. APE rivelazioni. PENSIONI NEWS

Pensioni, APE STANGATA ai pensionati. APE, le rivelazioni. PENSIONI NEWS


Pensioni con taglio minimo di 150 euro al mese per chi chiede l'APE. Non solo. Rimborso rata diretto tramite Inps non oltre 180 giorni. Sono solo alcune delle rivelazioni legate al lavoro che starebbe facendo il governo sulla bozza del decreto ministeriale sull'anticipo pensionistico.


PENSIONI, APE BOZZA: RIMBORSO RATA DIRETTO TRAMITE INPS NON OLTRE 180 GIORNI


Pensioni, sarà l'Inps a versare la rata di rimborso dell'Ape "tempestivamente e comunque non oltre centottanta giorni dalla data di scadenza della medesima rata" all'istituto finanziatore. È quanto si legge in un bozza, presa in visione da Public Policy, del Dpcm sull'anticipo pensionistico sulla quale sta lavorando il Governo. La misura è contenuta nell'ultima legge di bilancio. L'avvio è previsto per il 1° maggio. Può accedervi chi ha compiuto 63 anni e matura i requisiti alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi dalla data di richiesta di Ape. Nello specifico, il provvedimento stabilisce che l'Inps trattiene, a partire dal primo rateo di pensione mensile utile erogato al richiedente, l'importo della rata per il rimborso del finanziamento comunicato dall'istituto finanziatore (cioè la banca o l'intermediario finanziario che aderisce all'accordo quadro tra i ministri del Lavoro e del Mef e l'Abi) e lo versa allo stesso istituto "tempestivamente e comunque non oltre centottanta giorni dalla data di scadenza della medesima rata".


PENSIONI, APE BOZZA: RIMBORSO RATA DIRETTA TRAMITE INPS NON OLTRE 180 GIORNI


PENSIONI, Ape, stangata sulla pensione: "Si perdono almeno 150 euro"


Pensioni con taglio minimo di 150 euro al mese per chi richiede di uscire dal lavoro anticipatamente (APE), mentre la quota massima dipende dal tempo mancante alla maturazione della pensione. Secondo quanto rivela Public Policy, il governo starebbe lavorando alla bozza del decreto ministeriale sull'anticipo pensionistico e punterebbe ad avviare la misura contenuta nell'ultima legge di Bilancio per il primo di maggio. "Può accedervi chi ha compiuto 63 anni e matura i requisiti alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi dalla data di richiesta di Ape", si legge nel testo che, pur non essendo ancora definitivo, fissa un importo minimo della quota di Ape a 150 euro al mese. Quota minima fissa, quota massima varia. Stando a Public Policy, potrebbe dipendere dal tempo mancante alla maturazione della pensione. Il calcolo, alla data di presentazione della domanda di certificazione del diritto all'Ape (anticipo pensionistico), sarà sulla base dei coefficienti di trasformazione vigenti alla data stessa, relativi all'età posseduta alla stessa data per i soggetti con anzianità contributiva dal primo gennaio 1996 e relativi all'età di pensionamento di vecchiaia per i soggetti con anzianità contributiva al 31 dicembre 1995.  Nella bozza del decreto ministeriale si apprende che "il 75% se intercorrono non meno di 36 mesi tra la data di presentazione della richiesta di certificazione di Ape e l'età di pensionamento di vecchiaia"; "l'80% se intercorrono da 24 a meno di 36 mesi"; "l'85% dell importo se intercorrono da 12 a meno di 24 mesi" e "il 90% dell importo se intercorrono meno di 12 mesi". In aggiunta al vincolo della quota massima, al momento della domanda di Ape, l'ammontare massimo della quota mensile di anticipo ottenibile deve essere tale da determinare una rata di ammortamento mensile che, sommata ad eventuali rate per finanziamenti bancari con periodo di ammortamento residuo superiore alla durata dell Ape in fase di erogazione, non risulti superiore al 30% dell importo della pensione di vecchiaia. "Quest ultimo importo - conclude la bozza - è determinato al netto di eventuali rate per debiti erariali e di eventuali assegni divorzili e di mantenimento dei figli".


Pensioni, APE e RITA: svolta riforma pensioni. RIFORMA PENSIONI NEWS


Riforma pensioni, dalla Fondazione studi dei consulenti del lavoro arrivano i primi chiarimenti sull'anticipo pensionistico (Ape), e sulla Rendita integrativa temporanea anticipata, (Rita) operativi dal 1° maggio. Si tratta, dicono i consulenti nell'Approfondimento pubblicato, di due forme di sostegno al reddito che prevedono diverse dinamiche di finanziamento. Il documento della Fondazione studi contiene una serie di Faq sulla natura, il funzionamento e la convenienza delle due misure, in attesa dei decreti del presidente del Consiglio, delle circolari Inps e del materiale informativo delle forme di previdenza complementari. L'Ape, battezzato definitivamente come 'Anticipo finanziario a garanzia pensionistica' nella cornice della legge di stabilità 2017, non è stato varato in forma solitaria, ma accompagnato da una misura sorella, vale a dire la Rita, che persegue le medesime finalità dell'Ape, pur se con una diversa dinamica di finanziamento. Ape e Rita sono due misure temporanee (il cui accesso sperimentale si chiuderà alla fine del 2018) che non modificano in alcun modo la riforma delle PENSIONI Fornero; il loro obiettivo è invece agire in modo sinergico e complementare rispetto alle misure di sostegno al reddito vigenti (in particolare la Naspi, la cui durata massima è di 24 mesi).

Tags:
pensioniaperitapensioni apepensioni ritaape stangataape riforma pensionirita riforma pensioniriforma pensioni newspensioni newsriforma pensioni 2017 newspensioni 2017 news
Loading...
in vetrina
Previsioni meteo, temporali al centrosud: nel weekend torna il bel tempo

Previsioni meteo, temporali al centrosud: nel weekend torna il bel tempo

i più visti
in evidenza
Messico 1970, la partita del secolo Quando l'Italia attaccò e vinse

Il rigoletto

Messico 1970, la partita del secolo
Quando l'Italia attaccò e vinse


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Cupra vira verso l’elettrico e lancia tre nuovi modelli ibridi

Cupra vira verso l’elettrico e lancia tre nuovi modelli ibridi


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.