A- A+
Sport
Olimpia Milano ko: Teodosic trascina la Virtus Bologna nel derby di Eurolega
Milos Teodosic e Naz Mitrou-Long(foto Ipa)

Eurolega, Olimpia Milano-Virtus Bologna 59-64. Teodosic Mvp

“Sono stati bravi a sopravvivere ad una partenza difficile, noi abbiamo giocato un grande primo quarto, poi ci siamo fermati, abbiamo cominciato a rifiutare i tiri, a rifiutarci di prendere decisioni, ci siamo depressi e intristiti". Coach Ettore Messina analizza in sala stampa la sconfitta casalinga dell'Olimpia Milano contro la Virtus Bologna: finisce 59-64 il derby italiano di Eurolega.

I campioni d'Italia partono forte nel primo quarto (23-12), ma poi è buio pesto, le due frazioni centrali della gara vedono l'EA7 Emporio Armani segnare 18 punti complessivi (12-27 e 6-14 i parziali) con gli ospiti che prendono via via il largo. La squadra di Scariolo scappa sino al +15 poi, nel finale Milano prova la rimonta ma è troppo tardi. Teodosic MVp della serata con 15 punti e 5/6 da tre (con una tripla spettacolare da nove metri allo scadere del primo tempo che segna il 35-39) in una Virtus che trova un contributo di qualità da Mickey Jordan al suo fianco (14 punti) e uno Shengelia in crescita di condizione (12 punti).

Ai padroni di casa - privi di Shields, Baron, Datome e Biligha - non bastano la grinta di capitan Melli (9 punti e 11 rimbalzi), qualche ottima iniziativa di Mitrou-Long (13 punti e 4 assist) e alcuni sprazzi di Brandon Davies (11 punti con 4/8 da due) per evitare la terza sconfitta su tre partite di Eurolega al Forum (3 vinte e 4 perse complessivamente).

Olimpia Milano Ettore MessinaEttore Messina (foto Ipa)
 

"Quando succedono queste cose, chiunque alleni la squadra è il responsabile, quindi lavorerò al meglio delle mie possibilità per aiutare la squadra a superare questo momento di difficoltà. E’ chiaro che segnare meno di sessanta punti in casa è allarmante, facciamo fatica a costruire un vantaggio, ma poi se rifiutiamo tiri aperti è chiaro che tutto si complica. Per questo dico che sta a noi come allenatori aiutare la squadra", spiega Ettore Messina.

"Certo, ci sono assenze, certo siamo a novembre, noi come staff sappiamo quali sono i motivi per cui facciamo fatica soprattutto in EuroLeague, ma credo sia legittimo attendersi che la squadra giochi sempre come nel primo quarto. Non c’è motivo per non farlo. I tifosi è corretto che siano preoccupati o che pensino adesso che tutto sia finito, giusto o sbagliato che sia, ma la verità è che – ripeto – se nel primo quarto eseguiamo bene, tiriamo di prima intenzione e facciamo bene non c’è motivo di non farlo anche nel resto della partita. Purtroppo stasera abbiamo perso anche Stefano Tonut, che probabilmente si è stirato all’adduttore”, conclude il coach dell'Olimpia Milano.

Olimpia Milano, i prossimi impegni

Ora la pausa per le nazionali, poi la squadra di Ettore Messina tornerà in campo venerdì 18 novembre a Kaunas contro lo Zalgiris prima di 3 partite consecutive al Forum: contro Trieste domenica 20, poi Anadolu Efes (martedì 22) e Fenerbahce (giovedì 24).

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO-SEGAFREDO BOLOGNA 59-64 (23-12; 35-39; 41-53)

OLIMPIA MILANO: Davies 11, Thomas 2, Mitrou-Long 13, Pangos 6, Tonut 1, Melli 9, Ricci 2, Hall 8, Baldasso 1, Alviti ne, Hines 5, Voigtmann 1. All. Messina

VIRTUS BOLOGNA: Cordinier 7, Belinelli ne, Pajola 2, Bako, Jaiteh 2, Lundberg 7, Shengelia 12, Hackett 1, Mickey 14, Weems ne, Ojeleye 4, Teodosic 15. All. Scariolo
Note: tiri da 2: MI 15/29, BO 15/35; tiri da 3: MI 5/20, BO 9/24; tiri liberi: MI 14/24, BO 7/12;
rimbalzi: MI 35 (Melli 11), BO 37 (Jaiteh 7); assist: MI 15 (Mitrou-Long 4), BO 14 (Teodosic 4); recuperi: MI 7 (Melli 2), BO 7 (Lundberg 3).
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
eurolegaolimpia milanovirtus bologna




in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


in vetrina
Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire


motori
Carlos Tavares politicizza il futuro dell'automobile a "L'Événement" su France 2

Carlos Tavares politicizza il futuro dell'automobile a "L'Événement" su France 2

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.