A- A+
Sport
Superlega: Infantino sapeva? Il dossier che getta sospetti sul numero 1 Fifa
Gianni Infantino, Presidente della Fifa, in una partita di beneficienza con Andrea Agnelli e John Elkann: tra loro c'era un accordo segreto sulla Superlega?

Infantino ha segretamente appoggiato la nascita della Superlega?

L’incredibile vicenda della Superlega assomiglia ogni giorno di più ad un’avvincente spy-story, nella quale la lotta per il potere passa per colpi bassi, giuramenti traditi e amicizie infrante sull’altare dell’interesse economico. In particolare, sono tesissimi i rapporti tra Alexander Ceferin, Presidente della Uefa, e Andrea Agnelli, Presidente della Juventus, che pure aveva scelto l’avvocato sloveno come padrino della sua ultima figlia. 

In questo scenario è finora rimasto sullo sfondo l’uomo più potente del calcio mondiale: Gianni Infantino (all’anagrafe Giovanni Vincenzo Infantino), Presidente della Fifa. Il manager svizzero, di origine italiana, è però stato chiamato in causa da “Le Monde”, che ha pubblicato una ricostruzione molto curiosa sul progetto della Superlega. Il noto giornale francese ha messo le mani su un dossier breve ma eloquente: 10 pagine di appunti operativi che dall’inizio di gennaio circolavano tra gli addetti ai lavori, nel quale si delineano le premesse dello “strappo” dei 12 club, insieme ad un piano di revisione del mondiale per club. L’ipotesi del nuovo format parlava di un allargamento a ben 32 squadre, con una lista di squadre qualificate che, spiega il documento, “viene preparata insieme a W01”

Che cosa significa questa sigla? Forse “World 1”, il numero uno al mondo? Secondo Javier Tebas, presidente della Lega spagnola, il nome in codice corrisponderebbe proprio a Infantino, che però nelle sue dichiarazioni ufficiali è stato nettamente contrario alla Superlega: “Come Fifa, possiamo soltanto disapprovarla: è un negozio chiuso, una fuga dalle attuali istituzioni, dalle leghe e dalle associazioni. È fuori dal sistema. Non c’è alcun dubbio sulla disapprovazione della Fifa". 

La Fifa si fonda infatti su un sistema “a piramide”, che prevede la possibilità per qualunque squadra di salire (ma anche di scendere) di livello. E la Fifa non è certo un’organizzazione da poco: sono molti di più i Paesi che vi aderiscono con le loro federcalcio nazionali (221) di quelli che invece fanno parte dell’ONU (193). 

Per ben 17 anni il governo del calcio mondiale è stato saldamente nelle mani di Joseph Blatter, costretto a dimettersi dopo solo quattro giorni dalla sua ultima rielezione, in seguito a uno scandalo di corruzione che ha coinvolto anche Michel Platini. Molto amico dell’ex juventino, Infantino lo aveva sostenuto nella salita alla presidenza della Uefa contro Lennart Johansson, che peraltro era stato il suo mentore. E, mentre Platini era fuori dai giochi per le già citati vicissitudini, Infantino ha preso il posto di Blatter dopo aver battuto al secondo scrutinio il suo rivale più accreditato: il sultano Salman Bin Ebrahim Al-Khalifa. L'avvocato svizzero è nato 51 anni fa a Brig, nel Canton Vallese, a due passi da Visp, il paese natale di Blatter, da genitori emigrati dalla Calabria. 

Commenti
    Tags:
    superlegainfantinofifadossier
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi

    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.