A- A+
Viaggi
Il Taburno, una terra di grandi vini

Di Eduardo Cagnazzi

Ecco il logo del Taburno e della sua area per promuoverlo in chiave turistica. E' un pittogramma centrale che rappresenta il paesaggio rurale con una rocca medievale; un elemento rettangolare recante il nome del logo e un pay-off accompagnato dalla frase "Tutti i colori della terra". Perché è in questo territorio che si respirano tutti gli odori e si colora la terra. E' il simbolo di un lembo di terra che si fregerà di uno specifico marchio, quello d'Area; un'iniziativa sostenuta dal Gal del Taburno che ha messo fianco a fianco oltre 1.100 imprenditori, 23 comuni della provincia di Benevento, enti ed associazioni per promuovere il territorio in chiave turistica ed i suoi prodotti di eccellenza. Un progetto ambizioso, difficile da realizzare soprattutto al Sud, dove l'aggregazione si muove a passo di lumaca.

Un marchio per comunicare un'immagine di territorio essenzialmente rurale in cui ancora rimangono i segni del suo retaggio storico e dove ancora oggi sono vive le tradizioni, i modi di vivere ai ritmi di una volta. Ghiotte opportunità per un turismo alternativo, culturale, ma anche attento ai prodotti tipici della terra: la mela annurca, la ciliegia, la patata interrata, il tartufo, l'olivo, il pane, i formaggi e, naturalmente, il vino. Sì, perché il Taburno è soprattutto una terra di grandi vini, il 60% della produzione della Campania, rappresentati da una Docg, tre Doc e una Igt per un giro d'affari di oltre 900 milioni di euro sul totale della produzione regionale che è di 1,8 miliardi di euro. "E' proprio legato alla Strada del Vino e dei prodotti tipici la visibilità di questo lembo di territorio sannita, ritenuto come patria della biodiversità.

Un'occasione unica per candidarlo a meta dell'enoturismo internazionale e degli altri prodotti della terra", afferma il presidente del Gal, Mario Grasso. E, sempre per iniziativa del Gal, uno dei pochi a rendicontare entro i termini le risorse provenienti dall'Europa finalizzate al sostegno dell'imprenditoria e delle attività legate al turismo, arriva la guida turistica multimediale per scoprire le bellezze artistiche e paesaggistiche dei comuni che lo compongono. E' una piattaforma che fornisce informazioni sull'area del Taburno, sui comuni e la loro storia, i luoghi d'interesse, le strutture ricettive e di ristorazione, il castello con museo nazionale di Montesarchio, i servizi sanitari e di pubblica utilità. Completa l'applicazione la segnalazione dei principali sentieri culturali e naturalistici. Tutte le informazioni sono geolocalizzate su mappa interattiva, ma sono disponibili anche off-line.

"Qui il turista trova montagne incontaminate caratterizzate da faggete e pini bianchi, ma anche da numerosi sorgenti; una foresta colorata di faggeti e di altre specie di alberi, distese di viti e di ulivo. E poi sagre tutto l'anno che si svolgono in gran parte dei comuni del comprensorio, attrezzati per la migliore ospitalità in alberghi e in strutture in grado di bilanciare le esigenze del corpo e della mente. I borghi poi sono di incommensurabile bellezza e attrezzati per l'accoglienza turistica nel Mezzogiorno", sostiene Grasso. Grazie anche all'azione del Gal che ha sostenuto diverse decine di iniziative per migliorare le strutture ricettive e sostenere le attività artigianali ed agricole. Tra cui va annoverata la realizzazione della prima birra artigianale, Birta, realizzata con la filiera corta e aromatizzata alla mela annurca. Oltre a promuovere il turismo nell'area, il Gal se ne pone un altro: arrestare l'emorragia di giovani costretti ad emigrare in cerca di occupazione e mettere a reddito il territorio.
 

 

Tags:
taburnovini
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.