I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
L'avvocato del cuore
Divorzio, mio marito è morto: l’assegno ora lo devono versare i miei figli?

“Gentile Avvocato, sono divorziata da 5 anni. Con la sentenza, il Tribunale ha condannato mio marito a versarmi un assegno di mantenimento. Mio marito è deceduto due anni dopo il divorzio e io mi sono trovata senza l’assegno, mia unica fonte di sostentamento. Posso chiedere siano i miei figli, unici eredi del mio ex marito, a versarmi l’assegno divorzile?

L'art. 9 bis della legge sul divorzio (la n. 898 del 1970) prevede la possibilità per chi, come Lei, aveva diritto a percepire un assegno di mantenimento, di richiedere al Tribunale, presentando apposita istanza, che sia disposta la corresponsione di un contributo economico a carico dell’eredità, una volta deceduto l’ex coniuge obbligato al versamento.

E’ difficile, però, che il contributo sia automaticamente confermato nella misura del precedente assegno divorzile. La legge, infatti, stabilisce espressamente che chi richiede questo aiuto economico possa ottenerlo solo se versa in stato di bisogno. L’assegno a carico dell’eredità, infatti, pur avendo uguale natura assistenziale, è ben distinto da quello divorzile. L’assegno post-mortem ha la funzione di garantire a chi lo percepisce il proseguimento di una vita dignitosa. Nonostante tutto.

I presupposti per ottenere questo contributo sono: un’eredità che abbia un minimo di consistenza e, appunto, la mancanza per il richiedente delle risorse economiche necessarie a soddisfare le essenziali e primarie esigenze di vita. La Corte di Cassazione ha, negli anni, avuto modo di chiarire   che    queste   vanno valutate, in un’ottica di ragionevolezza e solidarietà, con riferimento al contesto socio-economico del richiedente e dell’ex coniuge deceduto. La legge sul divorzio, peraltro, indica espressamente, sempre all’art. 9 bis, quali criteri il Tribunale deve seguire per quantificare l’assegno a carico dell’eredità una volta accertato lo stato di bisogno del richiedente.

In particolare, il Tribunale, dopo il decesso dell'obbligato al versamento del contributo mensile a favore del coniuge economicamente più debole, può attribuire un assegno periodico a carico dell'eredità tenendo conto: dell'importo dell’assegno divorzile; della entità del bisogno del richiedente; dell'eventuale pensione di reversibilità; delle sostanze ereditarie; del numero e della qualità degli eredi e delle loro condizioni economiche.

L’assegno a carico dell’eredità, una volta riconosciuto è indisponibile (cioè non trasmissibile ad altri soggetti), imprescrittibile (cioè, se non pagato può sempre essere richiesto) e soggetto a rivalutazione annuale. Ma, nel Suo caso, se unici eredi del Suo ex marito sono i figli, prima di invadere con la legge, e un’azione giudiziaria, il territorio affettivo-familiare, perché non far loro presente la Sua situazione di bisogno? Anche magari facendo loro presente che esiste una norma di legge a Sua tutela. Forse, se consapevoli delle Sue difficoltà, e dei Suoi diritti, i Suoi figli sarebbero i primi ad aiutarLa spontaneamente. Senza litigare e senza incrinare la Vostra relazione affettiva.

Studio Legale Bernardini de Pace-Avv. Andrea Prati

Loading...
Commenti
    Tags:
    divorziomantenimentoassegno di mantenimento
    Loading...
    in evidenza
    Conte-Inter, c’è già aria di addio 'Futuro? Si vedrà, troppe critiche'

    VIDEO

    Conte-Inter, c’è già aria di addio
    'Futuro? Si vedrà, troppe critiche'

    i più visti
    in vetrina
    Meteo caldo stop, cambia tutto. Un ciclone porta piogge e fresco

    Meteo caldo stop, cambia tutto. Un ciclone porta piogge e fresco


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat e Bergamo hanno acceso i riflettori sulle violenze domestiche

    Seat e Bergamo hanno acceso i riflettori sulle violenze domestiche


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.