I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Cronache dal mercato dell'arte
Dadamaino, riparte la caccia ai Volumi

Dadamaino, nome d’arte di Edoarda Emilia Maino, l’artista milanese scomparsa nel 2004 a 74 anni, allieva prediletta ed erede di Lucio Fontana, si sta rivelando del tutto inaspettatamente una delle firme più ambite tra i collezionisti italiani accorti e raffinati. Si può addirittura affermare che si stia verificando, seppur per il momento a livello della nicchia più attenta alle dinamiche del mercato, una caccia ai “volumi”, le opere più “fontaniane” realizzate dall’artista lombarda tra il 1957 e il 1960. Per capire cosa stia succedendo, occorre fare un passo indietro di circa tre anni, quando l’Archivio Dadamaino era stato accusato di essere coinvolto nelle contraffazioni dei Volumi.

Il 29 marzo 2018, il Sole 24 Ore aveva titolato un articolo “Falsi Dadamaino, coinvolto nelle contraffazioni anche l’archivio dell’artista”, mentre il Corriere della Sera, da parte sua, aveva scritto “La banda degli insospettabili falsari dei quadri di Dadamaino, venduti a Londra, Parigi e New York”, citando le presunte responsabilità dell’archivio all’interno del pezzo. Inevitabilmente i prezzi dei Volumi, che negli anni precedenti stavano salendo vertiginosamente, erano crollati. La scorsa estate, precisamente l’8 luglio, il Tribunale di Milano ha assolto l’Archivio, riqualificandone, quindi, le opere autenticate. Dopo qualche mese di attesa, come accennato, i collezionisti più attenti agli affari si sono buttati “a pesce” sui Volumi, oggi acquistabili a cifre decisamente più basse rispetto a quelle precedenti lo scandalo. La scommessa è che, con la sentenza del tribunale, i Volumi ormai riabilitati raggiungano velocemente i prezzi di tre/quattro anni fa, arrivando a superare prezzi a cinque zeri.

L’Archivio, che momentaneamente ha sospeso l’attività per il Covid, ha già fissato il prezzo delle nuove autenticazioni a 2.000 euro, cifra decisamente alta rispetto ad autori coetanei di Dadamaino e anche dal mercato più florido, come ad esempio Mario Schifano, il cui archivio, presieduto dalla vedova Monica De Bei, richiede solo 350 euro. Ma a rendere appetibili i Volumi autenticati prima dello scandalo, contribuisce un rumor. Alcuni addetti ai lavori, infatti, sostengono che nelle nuove autenticazioni alcune opere potrebbero essere etichettate con una doppia data. La prima riferita al quadriennio d’oro dell’artista (1957-1960), la seconda a una data successiva. Dadamaino, insomma, avrebbe realizzato anche in anni più tardi dei Volumi. Naturalmente, quelli attribuiti al 1957-1960 varrebbero di più di quelli dalla datazione meno definita.  

Commenti
    Tags:
    dadamainoarte moderna





    in evidenza
    Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

    Talk e programmi d'informazione, novità e debutti a sorpresa

    Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

    
    in vetrina
    Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere

    Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere


    motori
    DACIA lancia la sfida della decarbonizzazione di oggi e domani

    DACIA lancia la sfida della decarbonizzazione di oggi e domani

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.