I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Bussola Italia: la pagella all’ultimo aggiornamento del PNRR

Passi in avanti su fattibilità e misurabilità degli obiettivi. Ancora lontani su coinvolgimento dei cittadini, qualità della vita e competenze gestionali. 
Bussola Italia
è nata da un comitato promotore composto da tre associazioni da tempo rappresentative del mondo delle professioni, della business community e del civismo, attive tra Milano e Roma: APE Associazione per il Progresso Economico, Associazione CIVICUM, Associazione Forum della Meritocrazia.

Bussola Italia offre il suo contributo per coinvolgere i cittadini e trasformare il piano in realtà

bussola logo ufficiale

Bussola Italia ha esaminato l’ultimo aggiornamento del PNRR preparato dal Governo, utilizzando sette indicatori elaborati a partire dal Better Life Index dell’OCSE, dagli SDGs dell’Onu e dal Meritometro del Forum della Meritocrazia. Alla fine Bussola Italia assegna un 6. È una sufficienza è vero, ma in questo momento ci si aspetta che il Governo faccia molto di più. I fondi del Recovery Fund sono un’opportunità storica per il nostro Paese non solo per uscire dalla crisi, ma anche per innovare il nostro sistema economico.

Da maggio scorso Bussola Italia chiede alle più alte istituzioni, Governo e Parlamento in primis, di elaborare un piano a due anni per la ricostruzione economica e sociale del Paese dopo l’emergenza Covid, nel quale si ponga anche attenzione alle competenze gestionali che chi sarà chiamato ad attuarlo dovrà possedere. A questo proposito, il meccanismo ad esempio del “fondo dei fondi”, può costituire un modo efficace per coinvolgere competenze provenienti dal settore privato, in particolare per quanto riguarda il monitoraggio e la misurazione del PNRR. Si può inoltre pensare di assumere alcune figure di elevata competenza e quando questa brutta esperienza sarà alle spalle e i progetti del PNRR implementati, la PA potrà beneficiare dall’avere acquisito personale specializzato e con un’esperienza di valore come quella di aver partecipato alla implementazione del PNRR. Perché ciò accada però è necessario anche qui una bussola da seguire. Evitiamo di insomma ripetere gli stessi errori fatti con i famosi navigator.

Bussola Italia con questa e altre iniziative, è impegnata a dare il proprio contributo per coinvolgere maggiormente i cittadini nella definizione del PNRR e nella sua futura implementazione. Con questo spirito quindi l’associazione ha analizzato l’aggiornamento del PNRR licenziato il 29 dicembre, nella consapevolezza che il Recovery Fund costituisce l’occasione perfetta per realizzare questa pianificazione.

Domenico Zaccone

Domenico ZacconeDomenico Zaccone

“Abbiamo analizzato la versione del PNRR aggiornata al 12 gennaio licenziata dal Governo, alla luce di sette criteri ha dichiarato Domenico Zaccone, coordinatore e portavoce di Bussola Italia – gli stessi che ispirano lo scopo ed i valori della nostra associazione, assegnando infine un voto. Sarebbe ingeneroso negare che ci siano stati passi in avanti rispetto alle precedenti versioni, tanto che siamo anche disposti ad assegnare una sufficienza, ovvero 3/5. Tuttavia ha aggiunto  il Recovery Fund costituisce un’occasione unica per innovare il tessuto sociale ed economico del nostro Paese. Non possiamo presentarci all’appuntamento con la storia avendo preparato un piano appena sufficiente. Noi chiediamo l’eccellenza, quell’eccellenza che in altre circostanze l’Italia ha mostrato di avere. Entro il 30 aprile prossimo tutti i Paesi dovranno presentare la versione definitiva del piano e quella data è dietro l’angolo”.

I criteri adottati

  • Visione di insieme e di lungo periodo . 
  • Aderenza ai principi costituzionali
  • Aumento consapevolezza e partecipazione dei cittadini
  • Fattibilità e misurabilità del piano
  • Migliore qualità della qualità di vita dei cittadini
  • Direzione armonica di impegni ed investimenti delle istituzioni e della PA nazionale, regionale e locale
  • Coinvolgimento di credibili e adeguate competenze tecniche e gestionali, prestando attenzione al gender balance 

La pagella di Bussola Italia

Assegnando un punteggio da 1 a 5 (voto più alto), questa la pagella di Bussola Italia.

1.Visione di insieme e di lungo periodo

Molto apprezzabile il riferimento a NextGenEU anche se è preferibile la visione chiaramente espressa nella versione del 29 dicembre (pgg. 5 e 6) che sarebbe utile integrare in quest'ultima versione.

Voto di Bussola Italia: 5/5.

2.Aderenza ai principi costituzionali

In generale paiono rispettati i ruoli previsti dalla Costituzione. Il Parlamento approva visione e piano e il Governo gestisce l’esecuzione attraverso la PA.

Lascia qualche perplessità la presenza di soli due ministri all'interno del Comitato Esecutivo e la mancanza di responsabilità sulle loro aree di competenza da parte dei singoli ministeri.

Non sono ancora del tutto chiare le responsabilità di gestione dell'intero dei singoli progetti.

Voto di Bussola Italia: 4/5.

3.Aumento consapevolezza e partecipazione dei cittadini

Bene la piattaforma di open government per i cittadini, tuttavia sono necessari altri sistemi di informazione, a partire da incontri strutturati con i cittadini, a livello nazionale e locale, sull’esempio francese del Débat Public, e forse anche l'istituzione di qualche organo di rappresentanza dei cittadini.

Voto di Bussola Italia: 3/5.

4.Fattibilità e misurabilità del piano

In questa versione non si registrano passi in avanti rispetto alla versione precedente se non una differente allocazione delle risorse economiche.

Gli obiettivi non sono esplicitati e tantomeno misurati, ma sono piuttosto elencate le strategie per ciascuna missione, inoltre non sono chiari quali siano gli obiettivi economici-sociali cui si fa riferimento.

Il piano pone una particolare attenzione alla realizzazione di nuove infrastrutture, cosa certamente positiva, manca ancora però un’analisi approfondita sui benefici che queste possono apportare ai cittadini. Si rischia di generare un effetto Nimby laddove non si spieghi in anticipo i benefici attesi.

Voto di Bussola Italia: 4/5.

5.Migliore qualità di vita dei cittadini

Viene enunciato il riferimento a BES e SDG (pg. 37), ma dal PNRR non si comprende quale sia e come venga misurato l'impatto sulla qualità di vita dei cittadini.

Sono evidenziati, e solo per alcuni progetti, solo due indicatori-obiettivo, Digit e Green, mentre sarebbe utile che ciascun progetto verticale indicasse a) gli indicatori-obiettivo (e pertanto di impatto) di Qualità della Vita (focalizzazione) b) gli indicatori-esternalità (secondari), ovvero il contributo al miglioramento degli altri indicatori non prioritari per la specifica iniziativa.

Voto di Bussola Italia: 2/5.

6.Direzione armonica di impegni ed investimenti delle istituzioni e della PA nazionale, regionale e locale

In questa versione si registra un leggero passo in avanti rispetto alla versione del 29 dicembre.

Nei singoli progetti si inizia ad intravedere una direzione armonica di impegni e investimenti a livello nazionale, regionale e locale. La prima sezione (Parte 1) propone una migliore armonizzazione delle iniziative che però non trova riscontro nella governance e nelle sue articolazioni di assegnazione delle responsabilità e autonomie realizzative. Non è chiaro il sistema di reporting e controllo che rende non trasparente la progressione dell'esecuzione.

Su questo punto il giudizio rimane ancora largamente negativo. 

Voto di Bussola Italia: 1/5.

7.Coinvolgimento di credibili e adeguate competenze tecniche e gestionali, prestando attenzione al gender balance

In questa versione non si registrano passi in avanti rispetto alla versione del 29 dicembre.

Non è chiaramente esplicitata la necessità di credibili competenze gestionali. Inoltre non sono stimati, sia pure in forma preliminare, i fabbisogni di competenze, le quantità e le modalità di reperimento di tali risorse (assunzioni, formazione degli interni, trasferimento degli interni dagli incarichi attuali ecc…)

Voto di Bussola Italia: 2/5.

Voto complessivo

Quest’ultima versione del PNRR è in generale sufficiente. Presenta miglioramenti nelle aree visione, fattibilità e misurabilità del piano. Tuttavia vi sono altrettante significative lacune riguardo a coinvolgimento e consapevolezza dei cittadini, qualità della vita, direzione armonica impegni e investimenti, competenze gestionali. Come detto, ci pare onesto assegnare una sufficienza però non possiamo accontentarci solo di questo.

Voto complessivo di Bussola Italia: 3/5.

Bussola Italia

Nata in pieno lockdown, Bussola Italia chiede alle massime cariche istituzionali di avviare finalmente la fase della ricostruzione del tessuto economico e sociale del Paese, messo a dura prova dall’emergenza Covid, e definire la direzione verso la quale condurre il Paese da qui a due anni.

La proposta di Bussola Italia è rivolta al Presidente della Repubblica, alla Presidente del Senato, al Presidente della Camera e al Presidente del Consiglio dei Ministri e nasce dalla constatazione che le iniziative messe in campo finora a sostegno dell’economia, per quanto doverose, sono necessariamente concentrate sul presente. Bussola Italia chiede di costruire una visione a 24 mesi, da realizzare con un piano che indichi obiettivi e tempistiche concreti e misurabili, con l’obiettivo prioritario di utilizzare in modo produttivo le risorse disponibili, a partire dal Recovery Fund.

Bussola Italia è nata da un comitato promotore composto da tre associazioni da tempo rappresentative del mondo delle professioni, della business community e del civismo, attive tra Milano e Roma: APE Associazione per il Progresso Economico, Associazione CIVICUM, Associazione Forum della Meritocrazia.

Commenti
    Tags:
    bussola italiaaggiornamento pnrrrecovery funddomenico zacconetrendiest news
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Zinga e "Che GueBarbara" La sinistra riparte da qui?

    Pd, la crisi vissuta con ironia...

    Zinga e "Che GueBarbara"
    La sinistra riparte da qui?

    i più visti
    in vetrina
    Taylor Mega: "Parlami alle spalle se ci riesci". Le foto da sogno

    Taylor Mega: "Parlami alle spalle se ci riesci". Le foto da sogno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Pirelli presenta il P Zero DHE per la nuova Ferrari 488 GT modificata

    Pirelli presenta il P Zero DHE per la nuova Ferrari 488 GT modificata


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.