I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Goodeat Group, il successo tutto italiano di Nicolò Caparra e Marco Perego

Nicolò Caparra classe 1988 e Marco Perego classe 1992, sono i due giovani imprenditori brianzoli che dal 2016 ad oggi hanno costruito un vero e proprio impero nel campo della ristorazione. Bravissimi ad interpretare le nuove richieste del mercato, grazie anche all’esperienza di lavoro internazionale di Nicolò, sono stati tra i primi in Italia ad intercettare la forza del Pokè, creando, investendo e sviluppando due concept di successo: “Nima Sushi e Pokeria by NIMA”,

Una crescita costante

I numeri sviluppati dal gruppo sono realmente da capogiro:
dal 2016 ad oggi 340 dipendenti assunti, la maggior parte dei quali con un’età media inferiore ai 30 anni, 130 assunzioni da fare nel 2021, 23 punti vendita aperti di cui 7 nel 2020 durante la pandemia, altri 11 in apertura per il 2021, una crescita esponenziale del fatturato che li ha portati dai 7 milioni del 2017 ai 16 milioni del 2019 ai 24 milioni con i quali chiuderanno il 2020 nonostante il covid19; una crescita costante nel delivery con picchi del +35% ogni mese, che li ha portati ad essere tra i primi players in Europa per consegne con 160.000 ordini al mese per Pokeria by Nima (circa il 40% del fatturato) e 1.700 consegne al mese per Nima Sushi (quasi il 9% del fatturato), successo guadagnato anche sui social con quasi 150 Mila followers su Instagram.

Durante la pandemia da covid 19 sono stati tra i pochi ristoranti a rimanere sempre aperti anche durante i lockdown, confermando entrambi i Brand tra i primi del settore per il numero di consegne a domicilio. I numeri durante il Covid sono stati altissimi, ogni store in media ha fatto 2500 consegne al mese.

Un'amicizia dai tempi del liceo

Marco Perego Nicolo Caparra BNMarco Perego e Nicolò Caparra 

La collaborazione tra Nicolò e Marco inizia circa nel 2011, da un’amicizia nata ai tempi del liceo, quando decidono di aprire insieme il primo ristorante giapponese in provincia di Como, ma è dal 2016 che forti delle esperienze passate, sviluppano il format NIMA (le iniziali dei loro nomi) e la loro carriera conosce una svolta iniziando a prendere le sembianze di oggi.

La loro forte amicizia e stima reciproca li porta a voler creare una multinazionale del food; vedendo che le loro idee diventano sempre più concrete, si allontanano da altri progetti con cui negli anni si erano confrontati e si concentrano sulla crescita della loro nuova catena, con l’obiettivo di rispondere all’esigenza di un giapponese “rivisitato”, che altri brand offrivano ad un prezzo superiore: inventano così la formula “open sushi” e si concentrano sul creare un menù che punta tutto sugli Uramaki.

L’open sushi

“Abbiamo inventato l’open sushi per poter ampliare l’offerta a qualsiasi fascia di età non perdendo la qualità che è alla base di ogni proposta, oltre alla passione, dedizione e all’entusiasmo che sono gli ingredienti fondamentali della nostra azienda.” dichiara Nicolò Caparra.

“Affermare la nostra posizione di leadership nel settore, consolidare il mercato italiano prima di tutto è la nostra vision, perché crediamo che questo paese può darci ancora tanto, nonostante le richieste di espansione all’estero siano parecchie.” è invece quanto afferma Marco Perego.

“Ed è per questo che la sfida per il 2021 è proprio nel lancio di un nuovissimo format legato alla Pizza che vedrà l’apertura dei primi 3 punti vendita partendo da Milano, capitale indiscussa delle tendenze italiane” continua Nicolò.

sushi

Queste alcune delle prossime aperture programmate:

  • Nima Sushi a Genova  Gennaio 2021 
  • Nima Sushi a Roma   Marzo 2021
  • Nima Sushi  a Verona Febbraio 2021 
  • Pokeria By Nima Roma Febbraio 2021 
  • Pokeria By Nima Trieste marzo 2021
  • Pokeria By Nima Parma marzo 2021

Una bellissima storia di amicizia e imprenditorialità tutta italiana.

Il Gruppo ha anche ottenuto la certificazione internazionale, con l’utilizzo del relativo logo, “Friend of the Sea” perché rispetta i principali criteri definiti per la ristorazione sostenibile, utilizzando fornitori e produttori certificati “Friend of the Sea”.

Commenti
    Tags:
    goodeat groupristorazionenicolò caparramarco peregotrendiest newsnimapokeria
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

    Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes: il futuro è completamente elettrico

    Mercedes: il futuro è completamente elettrico


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.