I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
La salute prima di tutto? Solo quando si tratta di negare diritti e libertà

Il discorso di Mario Draghi in Senato presenta interessanti sfumature, che chiedono di essere analizzate. Immancabile, ovviamente, l'insistenza quasi ossessiva sulla vaccinazione di massa, ormai innalzata a priorità assoluta dei governi di tutta Europa. Senza perifrasi, Mario Draghi ha testualmente affermato che l'Italia deve puntare alla cifra di mezzo milione di dosi giornaliere: la giusta quantità per mettere al sicuro la popolazione, oltre che, naturalmente, gli interessi dei signori del capitale farmaceutico. Tra gli applausi dei politici sempre più genuflessi al cospetto dell'ex uomo di Goldman Sachs e della Banca Centrale Europea, Mario Draghi ha spronato le regioni a seguire la lista delle priorità delle categorie che devono essere vaccinate. 

Un altro argomento toccato dall'ex governatore della Banca Centrale Europea è stato quello riguardante la riapertura della scuola: tema sul quale egli si è detto fiducioso, prospettando la possibilità concreta di una riapertura dopo la festività di quella Pasqua che già da tempo hanno scelto, Mario Draghi e i suoi sodali, di funestare mediante il lockdown preordinato. Non sappiamo davvero se le scuole riapriranno dopo Pasqua o se si tratta dell'ennesimo episodio della ormai nota dialettica dell'asino e della carota. Intanto ricordiamo, con sincera approvazione, i moti di contestazione che contro la didattica a distanza si stanno sviluppando presso gli studenti di tutta Italia, giustamente indisponibili a lasciare sì che il loro futuro venga reso mutilo a opera di banchieri cinici e ierofanti del grande reset e del nuovo ordine mondiale. 

Per quel che riguarda l'ormai sempre più centrale tema vaccinale, Mario Draghi, a sorpresa, ha addirittura prospettato una sorta di sovranismo vaccinale, per citare una formula ridicolmente impiegata, in modo lievemente variato, da quel Matteo Salvini che dopo aver combattuto l'euro e l'Unione Europea si trova ora in prima linea a sostenere entrambi nella figura dell'ex Goldman Sachs Mario Draghi. Quest'ultimo ha sostenuto che, qualora dovesse mancare il giusto sostegno dell'Unione Europea, allora l'Italia procederebbe motu proprio, indipendentemente, nella procedura di vaccinazione e di reperimento dei vaccini. Insomma, quando si tratta di vaccinare e di garantire dunque il business dei colossi del Big Pharma, perfino il sovranismo può essere una strada percorribile. 

Draghi ha altresì insistito sulla grande sfida della pandemia e sulla necessità di uscirne, definendo insidioso il virus, che ormai da un anno viene altresì qualificato come "nemico invisibile". Anche in questo caso, non è da escludere a priori che si tratti della solita logica dell'asino e della carota: come a dire, italiani, sopportate le restrizioni, anche quelle più dure come il lockdown, per poter riaprire un domani che viene sempre rinviato, appunto, a domani. 

Non stupisce, naturalmente, che il governo di Mario Draghi, ormai punto di riferimento planetario per il liberismo egemonico, mai menzioni la questione, pur decisiva, della sanità pubblica e dell'esigenza di potenziarla, in specie alla luce dell'emergenza epidemiologica che da un anno flagella l'Italia e l'Europa. L'hanno inteso anche i bambini: per i pretoriani dell'ordine neoliberista, il teorema secondo cui "la salute viene prima di tutto" vale solo quando si tratta di convincervi a subire le limitazioni di libertà e le compressioni di diritti; non vale invece mai, allorché si tratta di potenziare la sanità pubblica e di implementare il personale ospedaliero, cioè di operare realmente per tutelare la salute. Come non mi stancherò di ribadire, la situazione è tragica ma non seria: manca completamente, allo stato dell'arte, una opposizione che prospetti una visione altra delle cose rispetto a quella del blocco oligarchico neoliberale di cui Mario Draghi è espressione e rispetto al quale le destre bluette e le sinistre fucsia sono stampelle ogni giorno più pavide e insignificanti.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Commenti
    Tags:
    governo salute prima di tutto libertàgoverno salute libertàgoverno liberà coronavirus
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Claudio Baglioni compie 70 anni I fan gli dedicano un murales

    Roma

    Claudio Baglioni compie 70 anni
    I fan gli dedicano un murales

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    L 'Abarth 1000 SP degli anni sessanta rinasce sotto forma di una one-off

    L 'Abarth 1000 SP degli anni sessanta rinasce sotto forma di una one-off


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.