I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Governo/ Comprensibile taglio dei fondi a editoria, ma si tuteli occupazione

Alla kermesse dei 5 Stelle Vito Crimi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’Editoria,  ha ricordato che i 60 milioni del fondo per la stampa saranno dimezzati nel 2019 e tagliati del tutto nel 2020. Il che sembrerebbe giusto. In un’ottica liberale le sovvenzioni statali non sono previste. Scelta apprezzata, quella di Crimi, per un movimento che liberale non è: basti pensare a come sia statalista il reddito di cittadinanza.

Certo, teoricamente parlando, è così, ma non si può fingere che la stampa non soffra di crisi economica e occupazionale, e pertanto andrebbero tutelati, al pari, per esempio, dei lavoratori della ArcelorMittal (ex Ilva) di Taranto, i giornalisti che lavorano in quelle testate. Per giunta appare inspiegabile la sorta di giustificazione di Crimi (come insegnano disciplina manageriale e buon senso: “Chi si scusa si accusa”): “Noi non attacchiamo – ha sostenuto - ma difendiamo la libertà di stampa. La politica dà soldi che sono serviti a finanziare gli editori, a tenere in piedi giornali che nessuno altrimenti avrebbe comprato”.

Sorprende invece quello che avrebbe detto Paola Taverna, vicepresidente del Senato: “Internet può spazzare via questa carta stampata”. Un’avversione che sa di fanatismo quasi luddista nei confronti dei giornali che, nel bene e nel male, sono stati, e si spera, pur mutando, rimarranno un fondamento della democrazia liberale.

Commenti
    Tags:
    vito crimipaola tavernagoverno
    in evidenza
    Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

    Ucraina

    Imprese colpite dalla guerra
    SIMEST lancia una campagna aiuti

    
    in vetrina
    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


    motori
    Maserati svela la nuova GranTurismo

    Maserati svela la nuova GranTurismo

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.