I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Grazie Battiato: hai insegnato che l’uomo è un essere spirituale
Franco Battiato Lapresse

L’Italia deve ringraziare Franco Battiato perché ha diffuso a livello popolare l’idea che l’uomo è un essere spirituale. Spirito che per le civiltà tradizionali, quelle della tradizione con la t maiuscola, dall’induismo al cristianesimo medioevale, dall’ebraismo all’Islam, è cosa diversa sia dal corpo che dall’anima. In questo senso – ma è piccola mancanza perché questi temi sono molto specialistici – non è perfetto il titolo del “Corriere della Sera”: “Addio Battiato, cantante dell’anima”, sarebbe stato meglio “dello spirito”.

Quando l’uomo era - o è per chi decide di diventarlo oggi - un essere spirituale la sua esistenza aveva un senso perché partecipava della divinità. Così vivevano gli artigiani di tutte le civiltà tradizionali, da chi costruiva un tavolo a chi ornava le cattedrali con dipinti e sculture. Essi agivano secondo arte, che, come dice Socrate, è un fatto “razionale”, che nasce da una conoscenza, uno studio, dalla tradizione appunto. L'opposto della civiltà attuale, disperata, sentimentale, superficiale: quella del dio denaro, delle auto comperate a rate e delle pastiglie nelle discoteche, dei sedicenti artisti creativi e degli influencer, delle trasmissioni del pomeriggio televisivo dove le ragazze, invece di studiare e acquisire un mestiere o delle competenze, piangono pubblicamente perché lasciate dal fidanzatino. Per completezza, lo spirito è anche l’ambito del gioco, del divertimento, dell’ironia e dell’umorismo, dei maghi, dei giocatori di dadi, di Aladino e la lampada meravigliosa, dei porti di mare del Mediterraneo.

I veri intellettuali sono coloro che cambiano la società e in questo senso Battiato, quale sicuro artista – giusto quindi l’appellativo di “maestro” - un po’ ha migliorato l’Italia. Eccessiva però la definizione di genio. La sua tradizione si riferisce a quella migliore popolare dell’area del Mediterraneo: dalla Sicilia, quella delle teste ceramiche della regina e del moro, all’Albania, dalla Turchia alla Macedonia alla Libia, fino alle balere estive della Pianura Padana e all’Islam in genere. La sua opera però non contempla a tutto tondo la civiltà cristiana, quella indù e soprattutto quella ebraica – la più esoterica - quando secondo la Kaballah l’aspirazione al Creatore si chiama Israele. L’Italia deve essere orgogliosa di un cittadino come Battiato che ha arricchito il Paese. Si rifletta sui bellissimi versi, popolari e tradizionali, del brano “Stranizza d’amuri”: “E quannu t’ancontru ‘nda strata / Mi veni ‘na scossa ‘ndo cori / ‘Ccu tuttu ca fora si mori / Na’ mori stranizza d’amuri… l’amuri.”

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    franco battiatoislamarte
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.