I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
L’Italia che vuole Draghi, non chiede l’umiliazione dei 5 Stelle
Mario Draghi

Il premier segua l’esempio del capo dello Stato Sergio Mattarella

Nella fattispecie si tratta di Mario Draghi – che si spera si prenderà le sue responsabilità mercoledì e rimarrà a Palazzo Chigi, al pari di quanto fece il capo dello Stato, Sergio Mattarella quando ha accettato di fermarsi per altri sette anni al Quirinale – ma ciò in cui tanti confidano  è che, al di là della persona, prevalgano il giusto, il merito, la competenza  (detestati dalla parte d’Italia del torbido, della mediocrità e dell’ invidia… del resto il successo  lo meritano, più che chi lo consegue, gli invidiosi…) e la politica (“La più alta forma dell’esistenza”) disinteressata, che non guarda a due punti percentuali in più alle prossime elezioni, ma al bene e al futuro dell’Italia, dei giovani e delle generazioni venture.

Tanti italiani sono consapevoli che con Draghi possono dormire sonni tranquilli e potrebbero trascorrere le ferie estive con il Paese - pur con difficoltà gigantesche - in buone mani. Lo dimostra come Draghi e il suo Esecutivo hanno gestito e stanno affrontando i fatti: dall’uscita dalla pandemia a Next Generation EU, dal governo della guerra alle porte dell’Europa e alle problematiche connesse (caro energia, inflazione, recessione, crisi sociale) alla leadership mondiale (quando l’Italia avrà un altro presidente del Consiglio che suggerisce ed è veramente ascoltato dagli omologhi di Usa, Germania, Francia?). Lo chiedono in tanti al premier di non lasciare: cittadini, insegnanti, economisti, politici, la finanza e i leader internazionali, giornalisti, organizzazioni dei lavoratori e degli imprenditori e intellettuali (con alcuni che pure sbagliano gli appellativi con cui gli si rivolgono…)

Non si umilino però e non si incattiviscano ulteriormente i 5 Stelle. Non si infierisca su chi è prigioniero (in latino captivus) delle proprie decisioni e delle riunioni fiume dove invano si cerca una soluzione. La riunione fiume è esattamente l’opposto di quanto bisogna fare e si pratica nelle aziende di tutto il mondo: i meeting si organizzano con pragmatismo, puntando a obiettivi misurabili e raggiungibili e misurando e centellinando anche i minuti.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Lancia: la nuovo Ypsilon segna l'inizio dell'era elettrica

Lancia: la nuovo Ypsilon segna l'inizio dell'era elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.