I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
#SocialFactor
Attentati di #istanbul e #jakarta: su Twitter torna l’incubo Isis

Gli hastagh #jakarta e #istanbul al top di twitter, la propaganda dell’isis aumenta la propria visibilità

A due mesi dagli attacchi di Parigi il mondo ripiomba nel terrore dopo gli attentati terroristici che hanno coinvolto piazza Sultanhment a Istanbul e nel centro della capitale indonesiana di Jakarta.
L’hashtag #istanbul è stato in cima alla classifica dei topic trend italiani, viaggiando a una media di circa 10mila tweet all’ora. Nelle giornate del 14 e 15 gennaio l’hashtag #jakarta è rimasto tra i primi 20 argomenti più discussi nella Twitter-sfera. Choc e messaggi di pace hanno dominato la scena. Protagonisti soprattutto gli utenti francesi, evidentemente ancora scossi dalla strage del 13 novembre.
Non è un caso che buona parte delle principali parole chiave associate all’argomento #istanbul siano proprio in francese: atentat (attentato), pense (pensiero) e ville (città). Gli altri tag, in lingua turca, sono “pietà”, “misericordia” e “Allah” (il Dio musulmano, invocato soprattutto affinché accolga i defunti e aiuti i feriti nella guarigione). Tra gli hashtag più correlati a #istanbul troviamo invece #isis, daesh e #turkey. Anche su #jakarta abbiamo trovato spesso associato le key word islamic state e terror:  segno che la propaganda del califfato è riuscita a colpire anche in questo caso. 
L’hashtag #jakarta ha totalizzato sulla time-line di Twitter più di 10,500,000 visualizzazioni da parte di oltre 10 milioni di utenti. Ancora più visibilità hanno avuto gli attentati di #istanbul che sono stati visualizzati più di 44 milioni di volte da oltre 43 milioni di utenti singoli. Tra i leader politici più influenti in rete che hanno tweettato sugli attacchi terroristici di #istanbul e #jakarta ci sono il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (oltre 7 milioni di follower), Francois Hollande e Lee Hsien Loong (primo ministro di Singapore, 261.000 follower)
Molto battuti anche gli hashtag #prayforistanbul e #prayforjakarta (che hanno convogliato circa 10mila tweet l’ora), ispirati al più noto #prayforparis e utilizzati soprattutto dagli account francofoni.
Tra i top influencer che hanno tweettato sull’argomento ci sono le più importanti testate giornalistiche mondiali: Cnn, New York Times, Bbc e Fox News che in totale raggiungono circa 113 milioni di follower. Il sito che ha postato più notizie sull’argomento è stato Twitter, seguito da Swarm App e da Facebook. 

@guidopetrangeli è autore e fondatore del http://www.ilsocialpolitico.it/ 


 

 

Commenti
    Tags:
    isis-istanbul-attentati
    in evidenza
    Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

    Calcio e tv... bollente

    Carolina Stramare va in gol
    L'ex Miss Italia sfida Diletta

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

    Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.