A- A+
Coronavirus
Covid, tramonta l'era pandemica. L'Oms: "Emergenza finita"
Tedros Adhanom Ghebreyesus (Lapresse)

Covid, fine dell'emergenza sanitaria. Ma l'Oms avverte: "Attenzione ad altre potenziali minacce" 

Tramonta ufficialmente l'era "pandemica". "Il Comitato tecnico dell'Oms ha raccomandato la fine dello stato di emergenza ed io ho accettato l'indicazione": con queste parole il direttore generale dell'Oms, Tedros Ghrebreyesus, ha messo la parole fine a un periodo di allerta sanitaria annunciata, in prima battuta, il 30 gennaio 2020. 

"Questo è un momento da celebrare, ha detto Ghebreyesus, ma è anche un momento per riflettere. Deve restare l'idea della potenziale minaccia di altre pandemie. Ora abbiamo strumenti e tecnologie per prepararci a pandemie meglio e riconoscerle prima, ma globalmente una mancanza di coordinamento potrebbe inficiare tali strumenti. Sono state perse vite che non dovevano essere perse, promettiamo ai nostri figli e nipoti che non faremo mai più gli stessi errori".

Covid, Bassetti: "Oms? Atto dovuto anche se un po' tardivo"

Matteo Bassetti, direttore della clinica malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova, sulla decisione dell'Oms secondo cui il Covid non è più una emergenza globale, ha dichiarato all'agenzia stampa Agi: "Credo che sia un atto dovuto, arriva anche con un pò di ritardo. L'Oms, se avesse deciso in maniera diversa, avrebbe perso di credibilità". "La pandemia ci ha insegnato che l'Oms deve avere una capacità maggiore di imporsi anche a livello sovragovernativo, deve cioè poter intervenire e se dovesse ripetersi un evento come quello accaduto in Cina deve avere possibilità di intervenire indipendentemente", ha aggiunto Bassetti. 

"All'Oms bisogna dare anche i dati epidemiologici di tutto il mondo, bisogna migliorare la sorveglianza sulle malattie infettive", ha rimarcato Bassetti. "Il Covid-19, inteso come pandemia in Europa e nei Paesi sviluppati, è finito a livello di emergenza, ma nel resto del mondo la situazione è diversa e lì andrebbe mantenuta un'attenzione diversa così come facciamo per le malattie infettive in genere". Su come affrontare future emergenze pandemiche, Bassetti ha spiegato: "Fondamentale è cercare di scrivere un nuovo piano pandemico nazionale. Noi stiamo per farci trovare pronti sull'influenza e sul Covid, ma dobbiamo essere pronti anche ad altro. Non dico di fare previsioni, ma cercare di vedere cosa potrebbe avvenire nei prossimi 5 o 10 anni. I nostri ospedali sono carenti e bisognerà intervenire anche lì un po' come avvenne con la legge del 1990 sull'Aids". "Serve un maggior numero di posti nei reparti di malattie infettive e anche in terapia intensiva", ha concluso l'infettivologo. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
covidoms





in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


in vetrina
Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire


motori
CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.