A- A+
Coronavirus
Il Covid ha davvero aumentato i morti? Sì, e in Italia più che altrove. I DATI
(fonte Lapresse)

Secondo i dati Eurostat, a partire dal mese di marzo 2020 in Italia l’eccesso di mortalità - rispetto al quadriennio 2016-2019 - è stato del 20,4%, inferiore a quello della Spagna (23,6%), del Belgio (20,8%) e della Polonia (23,2%) ma superiore a quello della Francia (13,2%), della Germania (7%), dell’Olanda (14,7%) e del Portogallo (13,9%). E’ quanto emerge dal Rapporto prodotto congiuntamente dall’Istituto nazionale di statistica e dall’Istituto superiore di sanità.

L’Italia e la Spagna hanno condiviso per prime il drammatico incremento dei decessi già a partire dal mese di marzo, ma mentre in Italia la tendenza all’aumento si arresta dal mese di aprile, per la Spagna l’incremento procede ancora per alcune settimane fino a far registrare l’aumento più consistente della prima ondata epidemica (80% dei decessi in più).

Francia e Germania hanno sperimentato un eccesso di decessi più contenuto durante la prima ondata, con il picco di incremento nel mese di aprile prossimo a quello dell’Italia nel caso del dato francese (41,7% e 36,4% rispettivamente). La Germania presenta invece durante la prima ondata un aumento dei decessi inferiore al 10%.

A partire da luglio i decessi iniziano di nuovo ad aumentare, soprattutto in Spagna. Negli altri Paesi, inclusa l’Italia, il ritmo di incremento è più lento fino al mese di ottobre quando si verifica una nuova fase di rapida crescita dei decessi rispetto alla media del 2016-2019.

In Germania, dove l’incremento autunnale dei decessi era apparso posticipato di un mese rispetto agli altri Paesi, l’eccesso di mortalità è continuato a crescere fino a dicembre, al contrario degli altri Paesi in cui è stata osservata una riduzione dell’eccesso di mortalità nell’ultimo mese dell’anno. Particolarmente accentuati durante la seconda ondata risultano i valori dell’eccesso di mortalità riferiti alla Polonia. Per quanto riguarda il Belgio, a differenza di molti altri Paesi europei, presenta un rialzo dei casi a partire dal mese di luglio e la curva degli eccessi è quasi sempre superiore nel confronto con gli altri.

“Questi confronti – si legge nel Report - seppur importanti, hanno in sé dei forti limiti in quanto non tengono conto della diversa struttura per età delle popolazioni e della completezza dei dati forniti da ciascun Paese".

In molti Paesi la correlazione tra la popolazione over80 e l’incremento percentuale dei decessi tra marzo e dicembre 2020 è massima: tra di essi “spicca l’Italia che presenta la quota più alta di popolazione più esposta a rischio e un elevato eccesso di decessi. L’effetto della diversa proporzione di popolazione anziana, tuttavia, non sembra sufficiente a dar conto delle differenze nell’eccesso di mortalità quando si confrontano i dati di Paesi, quali ad esempio la Germania, dove a fronte di una proporzione di persone di 80 anni e più leggermente inferiore rispetto all’Italia, si è osservato un incremento dei decessi totali decisamente più contenuto.

Nella spiegazione dell’eccesso di mortalità le differenze osservate possono essere dovute a molteplici fattori: dalla rapidità di diffusione della prima ondata in alcuni Paesi, dalla velocità di diffusione e dalle misure di contenimento e mitigazione intraprese. Resta tuttavia importante anche la struttura per età delle popolazioni, con i Paesi più ‘anziani’ tendenzialmente più penalizzati”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    covidcoronavirusistatissdecessimortalitàfranciagermania
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.