A- A+
Costume
Affoghiamo in un mare di plastica. 8 mld di bottiglie di acqua minerale

 

Giornata della terra, focus sull’invasione della plastica negli oceani e sulla presenza di microparticelle nei pesci. Pochissimi – scrive ilfattoalimentare.it – hanno focalizzato l’attenzione sull’esagerato consumo di acqua minerale in bottiglie di plastica da parte degli italiani. C’è chi consuma la bottiglia di acqua minerale al bar o in mensa, chi la beve a casa durante i pasti, e chi compra una bottiglietta nel distributore automatico in ufficio o a scuola. Cattive abitudini… forse, che però si acquisiscono sin da piccoli. Al nido e all’asilo spesso i genitori nel corso delle prime riunioni dibattono sull’opportunità di dare l’acqua del rubinetto ai bambini. Alle elementari il discorso cambia, perché in molte città sui tavoli delle mense scolastiche si trovano solo caraffe riempite dal rubinetto. La felice parentesi dura poco, perché alle medie e alle superiori nelle scuole ci sono  i distributori automatici con le bottigliette, e qui possiamo dire che in molti casi l’acqua del rubinetto si usa solo per lavarsi le mani.

Il 70% degli italiani usa acqua minerale in bottiglia. Ne consumiamo 14 miliardi di litri ogni anno (dato 2016), con un incremento del 15% rispetto a cinque anni prima, e siamo il primo Paese in Europa e il secondo al mondo con oltre 206 litri pro capite. Le bottiglie sono un po’ di meno ma si tratta comunque di 8 miliardi circa. La spesa pro capite oscilla da 70 a 100 euro. Ma se consideriamo gli amanti dell’acqua di rubinetto e gli acquisti fuori casa la cifra aumenta sensibilmente.

Eppure secondo i report delle società che gestiscono la rete idrica emerge il buon livello raggiunto in moltissime città italiane. A Milano quasi la metà dell’acqua di rete non viene trattata tanto è pura, l’unica integrazione riguarda l’aggiunta di una lievissima quantità di cloro obbligatoria per legge. Pur essendo considerata un’eccellenza nazionale, la situazione del capoluogo lombardo è paradossale perché il consumo di minerale in bottiglia tra i milanesi è probabilmente in linea con quello delle città meno fortunate. La vicenda che tutti ignorano o vogliono ignorare è che in Italia il consumo di minerale continua a lievitare. I gestori del servizio pubblico dovrebbero interrogarsi sulla crescita parallela del consumo di minerale e del miglioramento dell’acqua di  rubinetto. Forse bisognerebbe cambiare strategia di comunicazione e spiegare bene alla gente che la qualità e le caratteristiche dell’acqua che sgorga dal rubinetto sono del tutto simili a quelle della maggior parte delle bottiglie vendute al supermercato.

Tags:
bottiglia palstica
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...

Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.