A- A+
Costume
Antichi mestieri, si torna a scuola per imparare l'arte della seta

Di Harry Di Prisco

San Leucio, oggi quartiere di Caserta, prende il nome da una chiesetta longobarda situata sulla sommità dell’omonimo colle.

Ferdinando IV di Borbone trasformò la Vaccheria nella fabbrica per i veli di seta. I filatoi vennero sistemati nel cortile del Belvedere, azionati dalla forza idraulica prodotta dall’acquedotto carolino progettato da Luigi Vanvitelli per portare l’acqua alla reggia.

Nel 1789 fu promulgato il Codice delle Leggi con cui si cercò di realizzare la Città dell’Utopia, conosciuta col nome di “Ferdinandopoli”, nella quale gli operai donne e uomini godevano degli stessi diritti e rispondevano agli stessi doveri, i salari erano rapportati solo al merito.

La città si chiuse con la fine del ‘700 con la dominazione napoleonica. Solo qualche opificio ha poi continuato  la produzione delle famose sete, nonché una scuola d’arte, l’Istituto Statale d’Arte “San Leucio”, il quale nacque per continuarne la tradizione serica, ed è oggi diventata una delle più belle e concrete realtà scolastiche dell’intera regione. L’Istituto è uno dei tre in Campania ad aver costituito un Polo Specialistico per la Moda, istituito dalla Regione Campania per rafforzare la formazione professionale superiore, al fine di migliorare le possibilità di occupazione dei giovani, valorizzando le competenze, l’abilità e le potenzialità degli studenti, oltre che  creare costruttive e positive forme di raccordo e integrazione tra scuola e territorio.

 

                    UN CORSO PROFESSIONALE PER L’ARTE DELLA SETA

 

 A partire da settembre 2016 sarà operativo un indirizzo professionale dedicato alle produzioni tessili-sartoriali legato alle creazioni artigianali del territorio. “Con orgoglio annuncio - spiega il preside Antonio Fusco -  che ritorna l’arte serica a San Leucio, grazie ad un corso che ci è stato riconosciuto quale Istituto Professionale. Un'opportunità per i giovani del territorio e per il territorio stesso”. Si affiancheranno al percorso liceale due indirizzi dell’iter professionale: il progetto formativo vuole rivedere il rapporto della scuola con le tradizioni artigianali leuciane, legate alla cultura della seta e al sito monumentale del Belvedere, ma in un’ottica moderna che coniughi tradizione e innovazione, arte e tecnologia.

 

                                                      LA  FORMAZIONE DEI GIOVANI

 

L’offerta formativa del Liceo Artistico si basa sull’innalzamento dei livelli qualitativi e quantitativi dell’offerta formativa, nel tentativo di ridurre l’insuccesso, l’abbandono e la dispersione scolastica, con il miglioramento dell’efficacia degli interventi e dell’efficienza dei servizi erogati, con una particolare attenzione alle esigenze dell’utenza e del territorio e con la promozione dello sviluppo della personalità degli studenti, consapevole e responsabile.

Il profilo formativo è finalizzato a conservare e a valorizzare gli stili, le forme, le tecniche proprie della storia artigianale e locale degli indirizzi professionali con l'opzione per le produzioni tessili-sartoriali e per le produzioni artigianali Il fine ultimo e quello di salvaguardare competenze professionali specifiche del settore produttivo tessile - sartoriale e dell’arredamento, con riferimento all’arredo storico e al restauro del tessuto e del mobile. Il titolo di studio conseguito e le competenze acquisite consentiranno ai giovani di affacciarsi al mondo del lavoro oppure di continuare gli studi universitari  in particolare  di architettura e di  design industriale, o presso l’Accademia delle Belle Arti. Il percorso professionale sarà affiancato dai sette indirizzi di studio del liceo che coprono tutti i settori della formazione artistica: design e arredo, design moda, scenografia, grafica, arti figurative, architettura e ambiente, audiovisivo e multimediale.

 

                                                  ARTE DELLA MODA E DEL COSTUME

 

Il corso di studi si articola in un triennio al termine del quale si consegue il diploma di Maestro D’Arte e della Moda e del Costume, che consente di  elaborare bozzetti di moda attuale e di costume con tecniche grafico-pittoriche, corredati dalle indicazioni sui materiali e sui procedimenti operativi;  in un biennio sperimentale con il quale si consegue il  diploma di Arte Applicata della Moda e del Costume. Nelle esercitazioni di laboratorio di “Modellistica per il figurino” e di “Taglio e confezione”  vengono realizzati modelli e prototipi.La moda è un fenomeno complesso che rispecchia le trame e gli sviluppi di una società. E’ possibile vedere, attraverso la moda, il progresso degli usi e dei costumi di un popolo, la vicenda dei suoi gusti, dei suoi pudori, delle sue gioie dei suoi pregiudizi, ma anche la storia del suo stile, della sua morale, della sua condizione sociale.Il percorso didattico, che la sezione “Arte del tessuto della Moda e del Costume” si propone, è quello di stimolare l’estro creativo degli allievi verso il design e la progettazione nel settore, inseguendo l’innovazione e la continua evoluzione economico - sociale - tecnologica della moda stessa, sia in ambito nazionale, con particolare riferimento al territorio di appartenenza, sia nel mondo. La ricerca e l’analisi dell’evoluzione della moda di ieri e di oggi, le sue tendenze con le sue varianti costituiscono la base per sperimentare nuovi design e nuovi materiali. Le tecniche artigianali tradizionali, opportunamente rielaborate, trovano nuove collocazioni nel campo dell’abbigliamento. La sezione moda contribuisce in modo significativo  alla dinamicità del Liceo Artistico di San Leucio, con un profondo  rapporto con il territorio collaborando con Enti e Associazioni per sfilate  a tema, rappresentazioni culturali in costume storico, eventi teatrali e a saggi di danza.

 Sviluppando tali presupposti, l’obiettivo finale è la progettazione e la realizzazione di una collezione di capi femminili, ma anche l’elaborazione di costumi storici con temi specifici legati all’arte, alla natura o ad eventi sociali.

Tags:
antichimestieriarteseta
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Tarraco e-HYBRID è il terzo modello elettrificato di Seat

Tarraco e-HYBRID è il terzo modello elettrificato di Seat


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.