A- A+
Costume
Campari, ceo: "Boom di vendite grazie ai cocktail casalinghi in pandemia"

"Prima della pandemia la gente non sapeva neanche cosa ci fosse in un Negroni o in uno Spritz, poi ha iniziato a cercare le ricette su Google"

Ecco un tipico caso di 'resilienza': si prevedeva che il Covid minacciasse le vendite degli alcolici a causa delle restrizioni in bar e ristoranti ma invece non e' accaduto cosi' e anzi Campari, leader mondiale, registra un boom di ricavi.

Lo spiega al Financial Times l'amministratore delegato della societa', il quale prevede che la "cultura di fare cocktail a casa" sopravviverà alla pandemia, e manifestando quindi l'ottimismo dei piu' grandi gruppi di alcolici del mondo che la crisi del coronavirus ha cambiato permanentemente le abitudini del bere domestico.

Il gruppo italiano da 15 miliardi di euro, che insieme a Campari e' la casa dei marchi Aperol, Wild Turkey whiskey e Grand Marnier, si e' dimostrato uno dei vincitori della pandemia, poiche' le misure di contenimento hanno spinto piu' consumatori a bere alcolici a casa.

"La pandemia ha stabilito una cultura di fare cocktail a casa", ha spiegato il ceo Bob Kunze-Concewitz all'autorevole testata britannica. "La gente non sapeva nemmeno cosa va in un Negroni o in uno Spritz, poi e' arrivata la pandemia e la gente ha iniziato a cercare le ricette su Google".

Come per i gruppi di alcolici rivali, la pandemia ha forzato un brusco cambiamento di strategia su una societa' che ha tradizionalmente concentrato la sua strategia di vendita e la sua potenza di fuoco di marketing sui bar e sui locali, anche attraverso stand di marca.

L'azienda ha rapidamente lanciato dei video tutorial per i cocktail a base di Campari e ha venduto dei kit online. "Siamo stati in grado di intercettare il cambiamento di tendenza e di spostare le strategie di vendita e di marketing dai locali tradizionali a quelli non tradizionali, e la nostra catena ha reagito bene", ha detto Kunze-Concewitz.

Il boom del consumo di alcolici a casa e' stato premiato dagli investitori mentre irrita i produttori di birra che si ritiene che non abbiano invece 'cavalcato' l'onda. Il capo di AB InBev, il piu' grande produttore di birra del mondo, ha negato che la birra abbia ceduto terreno agli alcolici durante la pandemia. Le azioni di Campari, che si e' quotata nel 2001 ma rimane controllata dalla famiglia Garavoglia, sono aumentate del 44% nel 2021.

Questo si confronta con un guadagno del 27% per lo S&P 500 l'anno scorso. Kunze-Concewitz, che guida l'azienda dal 2007, ha detto che la quota di controllo della famiglia Garavoglia permette a Campari di avere una "visione a lungo termine" e di costruire gradualmente i suoi marchi.

Nei primi nove mesi del 2021, i profitti prima delle tasse del gruppo sono aumentati del 56% a 343 milioni di euro rispetto all'anno precedente, mentre le vendite sono aumentate del 27%. La performance ha spinto l'azienda a offrire il mese scorso al personale la possibilita' di acquistare azioni del gruppo attraverso un piano di azionariato. La riapertura delle economie per gran parte dello scorso anno ha anche aiutato le vendite del gruppo nei bar e nei ristoranti.

"Siamo nella fase di convivialita' della 'vendetta', la gente vuole uscire e distrarsi e non e' sicura di quanto possa durare", ha detto Kunze-Concewitz. Anche se resta ottimista sulle prospettive a lungo termine, il manager ha comunque avvertito che l'aumento dei costi e l'inflazione porteranno, a suo giudizio, un aumento dei prezzi per i consumatori.
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    camparicocktail
    in evidenza
    BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

    Scatti d'Affari

    BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

    i più visti
    in vetrina
    Carolina Stramare, la nuova fiamma di Vlahovic. FOTO

    Carolina Stramare, la nuova fiamma di Vlahovic. FOTO


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Dacia Jogger, la station wagon con un look da crossover

    Nuovo Dacia Jogger, la station wagon con un look da crossover


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.