A- A+
Costume
Carcere, i difetti del “braccialetto elettronico”

 

Il cosiddetto “braccialetto elettronico” corrisponde in parte a un’idea più umanitaria della carcerazione, ma soprattutto è una reazione al costo molto alto di tenere i criminali in galera. Ha però dei difetti. Uno è la nota tendenza dei condannati a lasciarlo a casa quando decidono di non sottostare più alla pena. Un altro è che soddisfa poco la domanda popolare di “castigo”, di vedere puniti in qualche modo i malfattori per le loro cattive azioni.

Come molti altri problemi sociali di oggi, sono difficoltà già affrontate in passato, pure utilizzando le tecnologie allora disponibili. La particolare versione della gogna portatile illustrata qui sotto - una “canga” cinese dell’inizio ‘900 - ne è un esempio. Il nome deriva non dalla lingua del Paese, ma piuttosto dal portoghese, dove la canga è un giogo - oppure oggi, molto più comunemente, un pareo da mare.

Oltre al dettaglio dell’evoluzione linguistica, il congegno presentava delle caratteristiche molto particolari e forse non subito evidenti. Costava poco o niente, è chiaro. Chi veniva condannato a portarlo era spesso lasciato a piede libero. Oltre all’aspetto punitivo - a secondo della pena comminata, una canga pesava dai nove ai quindici kg - interferiva fortemente con molti aspetti della vita quotidiana, come il sonno. Impediva di proseguire nell'attività criminale ed era sia di monito al pubblico sia un’adeguata e visibile risposta sociale al male fatto, tra l’altro indicato da uno scritto visibile sul panello.

Offriva anche un insolito aspetto di interazione sociale, permettendo una sorta di giudizio democratico rispetto al criminale - e al reato commesso - da parte del pubblico e non solo dalla magistratura. Solitamente le sue dimensioni ostacolavano l’uso delle mani per mangiare. Il condannato, a secondo della durata della pena inflitta, poteva allora sopravvivere solo nel caso che qualcuno fosse disposto a nutrirlo imboccandolo. C’è da supporre che ciò potesse indurre un comportamento mansueto e collaborativo negli interessati - e che chi avesse commesso un crimine imperdonabile, o semplicemente ignorasse la cortesia, potesse invece morire di fame.

Il “braccialetto” è più uno strumento di controllo che una punizione, più un fastidio per chi lo porta che una pena. La canga, pur nella brutalità dei tempi, poteva - almeno in teoria - raggiungere anche uno scopo rieducativo. Il cinturino elettronico invece si attacca perlopiù alla caviglia, nascosto sotto i pantaloni. Poi, scaduta la condanna, si toglie. Tutto lì.

Un saluto per l’estate ormai in discesa, James

Iscriviti alla newsletter
Tags:
canga
in evidenza
Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

Scatti d'Affari

Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

i più visti
in vetrina
Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone


casa, immobiliare
motori
Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km

Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.