A- A+
Costume
Cremona, scoperto in un negozio il pianoforte suonato da Giuseppe Verdi
Pianoforte suonato da Verdi a Cremona

Cremona, straordinaria scoperta nel negozio Sperlari: sotto il bancone il pianoforte suonato da Giuseppe Verdi

Che cosa ci fa un pianoforte nascosto sotto un bancone? Perfettamente incastonato nell’arredamento, non lo immaginerebbe nessuno. Eppure succede a Cremona, nel negozio Sperlari di via Solferino, dove il titolare Carlo Vittori svela l’autentica meraviglia: lo strumento, infatti, era suonato nientemeno da Giuseppe Verdi, durante le sue trasferte nella città lombarda per affari. Il compositore, come è emerso più volte da un carteggio scambiato con amici, non esitava nel parlare della sua autentica passione per i prodotti tipici di Cremona e in particolare per i dolci: marubini, mostarda e torrone, oltre che vino pregiato accompagnavano la visita nel negozio Sperlari .

È proprio qui, peraltro, che Verdi si dilettava a suonare quello che è un “pianoforte a tavolo” di fattura Viennese databile nella metà dell’800, verosimilmente tra il 1833 ed il 1855 circa. Ad una prima ricognizione lo strumento appare in buone condizioni di conservazione; nella cassa armonica è stato ritrovato un cartiglio che attribuisce ad un cremonese la vendita dello strumento, un certo Giuseppe (talvolta indicato Jos o Joseph) Wopaterni “Fabbricatore di Cembali in Vienna”.

Il pianoforte è apparentemente in legno di abete impiallacciato in noce, e poggia su quattro gambe tornite dotate di rotelle per poterlo spostare agevolmente. Il sostegno centrale della pedaliera è sagomato a lira. La tavola armonica è interamente in legno senza rinforzi. La tastiera, in avorio ed ebano, ha un’estensione di sei ottave complete e una sesta (Do 0 – La 6), comune a Vienna a partire dagli anni Trenta dell’Ottocento ed è parte di una meccanica di tipo “viennese”, completata da due pedali, a sinistra quello “a corda”, a destra il “forte”. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cremonagiuseppe verdipianofortescoperta





in evidenza
Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

L'intervista sul Nove

Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."


in vetrina
Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

motori
RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.